Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma successivo

FP1-BAP

Finanziamento del programma

EUR 15 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 375 del 1981-12-30

Riferimento legislativo

81/1032/CEE del 1981-12-07
Sviluppare nuove tecnologie nel settore dell'ingegneria biomolecolare al fine di ottenere prodotti agricoli e bioindustriali migliori, di definire metodi produttivi più efficienti e sicuri e di ridurre il consumo di energia sopprimendo le strettoie che impediscono l'applicazione della biologia molecolare e cellulare all'agricoltura ed all'industria agroalimentare.

Riassunto

Avviato in osservanza della risoluzione del Consiglio del 14 gennio 1974 (Gazzetta ufficiale N° C 7 del 29.1.1974) sulla base di uno schema di programma iniziale delle Comunità europee nel settore della scienza e della tecnologia, si trattava della prima iniziativa della Comunità nel settore della biotecnologia.

Suddivisione

Azioni di ricerca e settori di formazione:

- cinque azioni di ricerca:
. sviluppo di bioreattori della seconda generazione per bonifiche ed applicazioni industriali (incluso l'agroalimentare);
. tramite metodi di ingegneria biomolecolare, miglioramento della produzione di sostanze destinate alla zootecnia (soprattutto vaccini ed ormoni) ed alle industrie agroalimentari;
. miglioramento di prodotti vegetali, in particolare la cellulosa del legno, tramite metodi di ingegneria biomolecolare;
. tramite l'ingegneria genetica, miglioramento delle piante e dei microrganismi che svolgono una funzione importante in agricoltura;
. sviluppo di metodi per la diagnosi della contaminazione e per la valutazione dei rischi possibili associati all'applicazione dell'ingegneria biomolecolare nell'agricoltura e nell'industria;

- sei settori di formazione:
. sviluppo di nuovi reattori basati su sistemi plurienzimatici immobilizzati;
. sviluppo di bioreattori per la detossificazione umana;
. trasferimento di geni provenienti da fonti diverse al batterio Escherichia coli, al lievito Saccharomyces cerevisiae e ad altri organismi adatti;
. sviluppo di sistemi di clonatura;
. trasferimento genetico in microrganismi e piante importanti per l'agricoltura;
. miglioramento dei metodi per la diagnosi della contaminazione e per la valutazione dei rischi possibili associati all'applicazione dell'ingegneria biomolecolare all'agricoltura e all'industria .

Attuazione

La responsabilità dell'attuazione del programma spettava alla Commissione, assistita dal comitato consultivo in materia di gestione dei programmi (CCMGP) per il settore dell'ingegneria biomolecolare. Il programma constava di due fasi: la prima andava dal 1° aprile 1982 fino alla revisione del programma nel 1983, la seconda dal 1° gennaio 1984 al 31 marzo 1986.

L'informazione è stata diffusa come stabilito nel regolamento del Consiglio (CEE) N° 2380/74 del 17 settembre 1974 (Gazzetta ufficiale N° L 255 del 20.9.1974), recante le prescrizioni di diffusione delle informazioni relative ai programmi di ricerca della Comunità economica europea.

Argomenti

Biotecnologia
Numero di registrazione: 78 / Ultimo aggiornamento: 2000-06-05