Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 36 del 2003-02-12

Riferimento legislativo

2003/96/EC del 2003-02-06
L'obiettivo generale del programma è di incoraggiare, sviluppare ed agevolare attività di cooperazione in settori di interesse comune nei quali le parti svolgono attività di ricerca e sviluppo scientifico e tecnologico. Le attività di cooperazione dovranno essere condotte sulla base del vantaggio reciproco, dello scambio tempestivo di informazioni e della realizzazione equilibrata di vantaggi economici e sociali da parte della Comunità europea e dell'Ucraina.

Riassunto

L'accordo di partenariato e di cooperazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra, entrato in vigore il 1° marzo 1998, ha aperto la strada ad una Strategia comune del Consiglio europeo sull'Ucraina, adottata l'11 dicembre 1999 in occasione del Consiglio europeo di Helsinki. Nell'ambito di tale strategia comune è emerso che la Comunità europea e l'Ucraina svolgono programmi specifici di ricerca e sviluppo tecnologico (RST) in settori di interesse comune. In base all'esperienza passata, entrambe le parti hanno espresso pertanto il desiderio di istituire un quadro per una più ampia e intensa collaborazione scientifica e tecnologica. Il presente accordo di cooperazione scientifica e tecnologica rientra nell'ambito della cooperazione globale tra la Comunità europea e l'Ucraina.

Suddivisione

La cooperazione può interessare tutte le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione, compresa la ricerca di base, effettuate nei seguenti settori:
- ambiente e clima, inclusa l'osservazione della Terra;
- biomedicina e salute;
- agricoltura, silvicoltura e pesca;
- tecnologie industriali e di produzione;
- ricerca sui materiali e metrologia;
- energia non nucleare;
- trasporti;
- tecnologie della società dell'informazione;
- scienze sociali;
- politiche scientifiche e tecnologiche:
- formazione e scambi tra ricercatori.
- A seguito di un'analisi e di raccomandazioni del comitato misto Comunità-Ucraina possono essere aggiunti all'elenco ulteriori settori.

La cooperazione può riguardare le seguenti attività:
- partecipazione di enti ucraini a progetti di ricerca comunitari nei settori di cooperazione e reciproca partecipazione di enti di ricerca aventi sede nella Comunità a progetti ucraini svolti negli stessi settori. I progetti possono includere inoltre organismi scientifici e tecnologici, agenzie ed enti ufficiali delle parti;
- libero accesso e uso in comune delle strutture di ricerca, in particolare degli impianti e dei siti di monitoraggio, osservazione e sperimentazione e raccolta di dati relativi alle attività di cooperazione;
- visite e scambi di ricercatori, tecnici o altro personale ai fini della partecipazione a seminari, simposi, workshop;
- scambio di informazioni su pratiche, legislazione, regolamenti e programmi attinenti alla cooperazione;
- altre attività eventualmente concordate dalle parti conformemente alle politiche ed ai programmi applicabili.

I progetti comuni di ricerca vengono effettuati ai sensi del presente accordo solo dopo la conclusione, da parte dei partecipanti, di un piano comune di gestione della tecnologia.
Le parti possono intraprendere congiuntamente attività di cooperazione con terzi.

Attuazione

Al fine di coordinare ed agevolare le attività di cooperazione nell'ambito del presente accordo, le parti istituiscono un comitato misto Comunità-Ucraina per la cooperazione scientifica e tecnologica. Tale comitato si riunisce nell'ambito del relativo sottocomitato istituito dall'accordo di partenariato e di cooperazione. Il comitato svolge le seguenti funzioni:
- promuove e controlla le attività di cooperazione previste dall'accordo;
- formula raccomandazioni sulla base dei settori delle attività di cooperazione;
- propone attività sulla base di forme di cooperazione;
- consiglia le parti sui metodi per migliorare la cooperazione;
- presenta ogni anno alle parti una relazione sulla situazione e sull'efficacia della cooperazione intrapresa ai sensi del presente accordo;
- vigila sul corretto ed efficace funzionamento del presente accordo;
- mette in risalto l'importanza degli aspetti regionali della cooperazione.

Il comitato si riunisce una volta l'anno; le riunioni si svolgono alternativamente nella Comunità e in Ucraina.
Se concordato da entrambe le parti, possono essere convocate riunioni straordinarie. Il comitato è composto da un uguale numero ristretto di rappresentanti ufficiali per ciascuna parte; esso adotta il proprio regolamento interno che è sottoposto all'approvazione delle parti. Le decisioni del comitato sono prese mediante consenso. Per ogni riunione è redatto un verbale, che comprende l'elenco delle decisioni e dei principali punti discussi. I verbali sono approvati dai due copresidenti delle riunioni nominati da ognuna delle parti. La relazione annua del comitato viene sottoposta al consiglio di cooperazione e al comitato di cooperazione istituiti conformemente all'accordo di partenariato e di cooperazione.

Finanziamento ed esenzioni fiscali
- Le attività di cooperazione scientifica e tecnologica sono subordinate alla disponibilità di fondi adeguati nonché alle leggi, ai regolamenti, alle politiche e ai programmi applicabili della Comunità e dell'Ucraina. Di norma, ognuna delle parti si fa carico delle spese legate all'esercizio delle loro responsabilità previste dal presente accordo, incluse le spese di partecipazione alle riunioni del comitato.
- Nel caso di determinate forme di cooperazione scientifica e tecnologica che beneficiano di un sostegno finanziario della Comunità europea, direttamente o indirettamente attraverso organizzazioni istituite con la partecipazione della Comunità europea, fornito ai partecipanti dell'Ucraina, tali sovvenzioni finanziarie o di altra natura, versate dalla Comunità a partecipanti dell'Ucraina a sostegno delle loro attività scientifiche e tecnologiche, ottengono agevolazioni fiscali e doganali. L'Ucraina esonera tali sovvenzioni da pagamenti doganali, da qualsiasi dazio o imposta doganale, dalle imposte IVA, dalle imposte sul reddito e da ogni altra tassa o imposta con effetto equivalente.

Circolazione di personale e attrezzature
%Nel rispetto delle sue leggi e dei regolamenti, ciascuna parte adotta tutte le misure ragionevoli e si adopera per agevolare l'entrata, il soggiorno e l'uscita dal proprio territorio di persone, materiali, dati ed attrezzature impegnate o impiegate nelle attività di cooperazione.
Informazioni e proprietà intellettuale.

Diritti di proprietà intellettuale

- Titolarità, attribuzione ed esercizio dei diritti. Ciascuna parte garantisce che l'altra parte e i suoi partecipanti ottengano i diritti di proprietà intellettuale loro spettanti sulla base dei seguenti principi: protezione effettiva dei diritti di proprietà intellettuale, determinazione dei diritti e degli interessi delle parti e dei loro partecipanti tenendo conto dei loro contributi, sfruttamento effettivo dei risultati, trattamento non discriminatorio dei partecipanti dell'altra parte rispetto al trattamento accordato ai propri partecipanti e protezione delle informazioni riservate.
- Piano di gestione della tecnologia (Technology Management Plan - TMP). Il Piano di gestione della tecnologia è un accordo specifico, sottoscritto dai partecipanti, relativo ad una ricerca comune che definisce i diritti ed obblighi dei partecipanti. Con riferimento alla proprietà intellettuale, di norma, il piano di gestione della tecnologia disciplina, tra l'altro, i seguenti aspetti: titolarità, protezione, diritti di uso a fini di ricerca e sviluppo, sfruttamento e diffusione, inclusa la pubblicazione in comune, diritti ed obblighi dei ricercatori in visita e procedure di risoluzione delle controversie. Il piano di gestione della tecnologia può anche definire il regime delle informazioni principali e secondarie, delle licenze e dei risultati tangibili (deliverables). Il piano è elaborato tenendo conto delle finalità della ricerca comune, dei contributi finanziari o di altro tipo delle parti e dei partecipanti, dei vantaggi e svantaggi di un regime di licenze su base territoriale o settoriale, del trasferimento di dati, beni e servizi controllati all'esportazione, degli obblighi posti dalle leggi applicabili e di altri fattori considerati rilevanti dai partecipanti.
_ L'informazione o la proprietà intellettuale create nel corso della ricerca comune e non disciplinate dal piano di gestione della tecnologia sono attribuite, con l'approvazione di entrambe le parti, secondo i principi stabiliti dal piano. In caso di disaccordo, tale informazione o proprietà intellettuale spetta in comune a tutti i partecipanti alla ricerca comune dalla quale è derivata. Ciascun partecipante cui si applica la presente disposizione ha il diritto di usare tale informazione o proprietà intellettuale a fini di sfruttamento commerciale senza limiti geografici.
_Compatibilmente con il mantenimento della concorrenza nei settori in cui si applica l'accordo, ciascuna parte si adopera per assicurare che i diritti acquisiti ai sensi dell'accordo e i contratti stipulati nel suo contesto siano esercitati in modo tale da promuovere in particolare la diffusione e l'uso delle informazioni prodotte, rivelate o altrimenti rese disponibili ai sensi dell'accordo e l'adozione e l'applicazione di norme internazionali.
_ La denuncia o la scadenza dell'accordo lasciano impregiudicati i diritti o gli obblighi.

- Opere oggetto di diritti d'autore. Gli accordi contrattuali e le altre disposizioni di attuazione applicano ai diritti d'autore spettanti alle parti o ai partecipanti un trattamento conforme alle norme della convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie e artistiche (Atto di Parigi del 1971).

- Opere di letteratura scientifica. Fatto salvo quanto previsto nella sezione V, e tranne se altrimenti convenuto nel piano di gestione della tecnologia, i risultati della ricerca sono pubblicati in comune dalle parti o dai partecipanti. Sulla base della regola generale di cui sopra, si applicano le seguenti procedure:
_ in caso di pubblicazione ad opera di una parte o di un suo organismo pubblico di riviste, articoli, saggi e libri di carattere scientifico o tecnico, inclusi video e software, che siano frutto della ricerca comune svolta ai sensi dell'accordo, la controparte ha diritto a una licenza non esclusiva, irrevocabile, gratuita e valida per tutti i paesi per la traduzione, la riproduzione, l'adattamento, la trasmissione e la distribuzione pubblica di tali opere;
_ le parti provvedono alla massima diffusione possibile delle opere di letteratura scientifica frutto della ricerca comune svolta ai sensi dell'accordo;
_ ogni riproduzione destinata al pubblico di un'opera tutelata da diritto d'autore, prodotta a norma delle presenti disposizioni, deve indicare i nomi degli autori dell'opera, salvo se un autore chieda di non essere citato. Essa deve inoltre recare chiara e visibile menzione del contributo delle parti in termini di cooperazione.

- Informazioni riservate
_ Informazioni riservate di carattere documentale. Ciascuna parte indica quanto prima e preferibilmente nel piano di gestione della tecnologia le informazioni che intende mantenere riservate, sulla base, tra l'altro, della segretezza e del valore commerciale potenziale. Ciascuna parte provvede affinché le informazioni riservate siano chiaramente identificate. Le informazioni riservate possono essere rivelate dalla parte ricevente ai fini specifici della ricerca comune in corso, a condizione che la diffusione sia subordinata ad un accordo sulla riservatezza e che le informazioni riservate siano immediatamente riconoscibili conformemente al disposto di cui sopra. Previo consenso scritto della parte che fornisce le informazioni riservate, la parte ricevente può diffonderle in misura più ampia di quanto altrimenti previsto. Le parti collaborano al fine di elaborare procedure per la richiesta ed il rilascio del consenso scritto preliminare a una più ampia diffusione delle informazioni; ciascuna parte si impegna a dare il proprio consenso nei limiti della politica, della regolamentazione e della legislazione nazionali.
_ Informazioni riservate di carattere non documentale. Alle informazioni riservate di carattere non documentale e alle altre informazioni confidenziali fornite in occasione di seminari o riunioni organizzati ai sensi dell'accordo, nonché alle informazioni apprese attraverso il personale distaccato, l'uso di strutture o l'esecuzione di progetti comuni, le parti ed i loro partecipanti applicano i principi previsti per le informazioni di carattere documentale, a condizione che il soggetto che riceve tali informazioni riservate, confidenziali o segrete sia informato del carattere confidenziale delle informazioni trasmesse al momento stesso della trasmissione.
_ Controllo. Ciascuna parte si impegna a controllare l'osservanza delle disposizioni dell'accordo per quanto riguarda l'obbligo di riservatezza. Se una delle parti si rende conto che non è in grado o che presumibilmente non sarà in grado di rispettare le disposizioni sull'obbligo di riservatezza, ne informa immediatamente l'altra parte. Le parti quindi si consultano per definire le linee di condotta da seguire.

Altri accordi e disposizioni transitorie.

Il presente accordo lascia impregiudicati altri accordi o disposizioni vigenti tra le parti o qualsiasi altro accordo o disposizione tra le parti e terzi. Le parti si adoperano per applicare i termini del presente accordo alle disposizioni di cooperazione scientifica e tecnologica già esistenti tra la Comunità e l'Ucraina che rientrano nell'ambito dei settori delle attività di cooperazione.
Numero di registrazione: 799 / Ultimo aggiornamento: 2013-08-20