Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma per il miglioramento della qualità nell'istruzione superiore e la promozione della comprensione interculturale mediante la cooperazione coi paesi terzi (Erasmus World) (2004-2008)

Finanziamento del programma

EUR 200 million
L'obiettivo generale del programma è contribuire a un'istruzione di qualità nell'Unione europea, in particolare promuovendo la cooperazione coi paesi terzi. L'effetto a lungo termine che la presente proposta si ripromette consiste, anzitutto, nel preparare meglio i cittadini europei, ma anche dei paesi terzi nostri partner, a vivere e lavorare in una società globalizzata e basata sulla conoscenza. La proposta intende inoltre migliorare la comprensione reciproca fra i popoli e le culture, contribuendo in tal modo alla pace e alla stabilità nel mondo. Altro obiettivo è di sostenere la posizione dell'Europa come polo di eccellenza nell'istruzione superiore e, in tal modo, garantire che l'istruzione superiore in Europa diventi una prospettiva sempre più attraente in tutto il mondo.

Riassunto

Al fine di realizzare questi obiettivi generali, gli effetti diretti e di breve termine perseguiti dal programma possono essere raggruppati come segue:
- emergere di un'offerta europea chiaramente individuabile nel settore dell'istruzione superiore;
- maggiore profilo e visibilità dell'istruzione europea, nonché maggiore accessibilità alla stessa;
- maggiore interesse a livello mondiale e possibilità più concrete circa l'acquisizione di qualifiche europee;
- cooperazione più strutturata fra gli istituti della Comunità europea e dei paesi terzi;

_ master dell'Unione europea.
L'enfasi posta sul livello postuniversitario è una scelta operativa consapevole, giustificata in particolare dai motivi seguenti:
- fattori quali, fra l'altro, la struttura dei corsi di laurea, la complessità dei piani di studio e l'uso linguistico;
- la Comunità non potrebbe sostenere quantità significative di studenti provenienti da paesi terzi per un periodo di studi universitari dai tre ai sei anni;
- il valore aggiunto dell'intervento comunitario sarebbe massimo a livello postuniversitario (master), dal momento che contribuirebbe allo sviluppo della struttura degli studi favorita dal processo di Bologna/Praga; - la mobilità internazionale in proporzione è più elevata a livello postuniversitario (master) che universitario;
- in termini pratici, il lavoro con studenti di livello postuniversitario rappresenta un'assicurazione contro gli insuccessi, dal momento che lo studente ha già dato prova delle proprie capacità durante il ciclo di studi universitario.
Il programma va considerato uno strumento di politica interna, per cui le azioni di cui sopra saranno finanziate mediante il terzo capitolo del Bilancio comunitario.

Al momento esiste un certo numero di programmi comunitari che potrebbero affrontare le necessità individuate nel presente programma, (ad esempio Socrates e Tempus); tuttavia, nessuno di questi strumenti, la maggior parte dei quali è in vigore da diversi anni, fornisce un quadro adeguato per affrontare in modo adatto tali esigenze. Socrates non sostiene la creazione di master dell'Unione europea ed è importante solamente per un gruppo specifico di paesi indicati nella decisione del Consiglio. Se da programmi come Tempus, Alfa o Asia-Link scaturisce un importante grado di beneficio reciproco, il loro obiettivo primario è però promuovere le attività di rete a livello regionale e multilaterale nell'ottica di rafforzare il trasferimento di conoscenze e la cooperazione sostenibile. La principale preoccupazione della presente proposta riguarda l'istruzione superiore in Europa e, se i cittadini e gli istituti dei paesi terzi trarranno certamente beneficio dalla loro partecipazione al programma, quest'ultimo va considerato uno strumento orientato anzitutto verso gli interessi della Comunità. Il presente programma completa e non duplica altri programmi di cooperazione esterna.

Suddivisione

Gli obiettivi generali e specifici del programma saranno perseguiti mediante le seguenti azioni:

_ Master dell'Unione europea
La Comunità individua i corsi postuniversitari europei cui assegnare l'etichetta di "master dell'Unione europea" mediante la rigorosa procedura di selezione. I master dell'Unione europea saranno selezionati per un periodo di cinque anni (con una procedura semplificata di revisione annuale sulla base delle relazioni sullo stato d'avanzamento), periodo che potrebbe comprendere un anno di attività preparatorie prima dello svolgimento del corso vero e proprio. I finanziamenti dipenderebbero dalla procedura di revisione annuale.

_Sistema di borse di studio
La Comunità istituirà un unico sistema complessivo di borse di studio legato ai master dell'Unione europea e rivolto ai laureati e agli studiosi più qualificati provenienti dai paesi terzi. Le borse di studio saranno aperte a studenti e studiosi dei paesi terzi senza condizioni preliminari per la partecipazione diverse dall'esistenza di relazioni tra l'Unione europea e il paese d'origine degli studenti o degli studiosi in questione. Sarà incoraggiata la partecipazione delle donne e degli studenti svantaggiati provenienti da tali paesi.
- Azione 2.1: sistema complessivo per gli studenti
La Comunità può fornire un sostegno finanziario agli studenti dei paesi terzi che sono stati ammessi, mediante una procedura di gara, ai master dell'Unione europea.
- Azione 2.2: sistema per gli studiosi in visita accademica
La Comunità sostiene finanziariamente gli studiosi dei paesi terzi in visita, nel quadro dei master dell'Unione europea, per svolgere incarichi di insegnamento e ricerca e lavoro scientifico presso gli istituti partecipanti ai master.

_ Partenariati con gli istituti superiori dei paesi terzi
La Comunità sosterrà rapporti strutturati fra i master dell'Unione europea e gli istituti d'istruzione superiore dei paesi terzi. Si darà precedenza agli istituti sufficientemente sviluppati da poter cooperare su una base di parità. I partenariati creeranno il contesto in cui inserire la mobilità esterna degli studenti e degli studiosi dell'UE partecipanti ai master dell'Unione europea. I partenariati servono a sviluppare, ove possibile, reti istituzionalizzate, basate su una cooperazione strutturata e sostenibile intesa a contribuire allo sviluppo di capacità a livello locale mediante il trasferimento del sapere.

_ Accrescere l'attrattiva dell'Europa quale meta educativa
Con quest'azione la Comunità sosterrà le attività miranti ad aumentare il profilo e la visibilità dell'istruzione europea, nonché l'accesso alla stessa. La Comunità sosterrà anche attività complementari che contribuiscano agli obiettivi del programma.
- Sostegno ad azioni promozionali congiunte
La Comunità sosterrà gli istituti d'istruzione superiore e le organizzazioni pubbliche senza fini di lucro, attive nel settore della promozione dell'istruzione superiore europea all'estero. Le attività promozionali cercano di istituire nessi fra l'istruzione superiore e la ricerca, e di sfruttare per quanto possibile le potenziali sinergie.
- Sostegno ai servizi che agevolano l'accesso degli studenti provenienti dai paesi terzi all'istruzione europea
La Comunità europea sosterrà attività di collaborazione volte a facilitare l'accesso allo studio in Europa e ad incoraggiarlo.
- Attività complementari
La Comunità europea sosterrà attività complementari connesse a temi di fondamentale importanza per l'internazionalizzazione dell'istruzione superiore. Mediante tale azione la Comunità può sostenere reti tematiche internazionali atte ad affrontare tali temi. La Comunità può sostenere progetti pilota coi paesi terzi al fine di sviluppare ulteriormente la cooperazione nel settore dell'istruzione superiore coi paesi in questione. La Comunità può fornire, mediante un progetto pilota, borse di studio agli studenti dei paesi terzi che desiderino conseguire un titolo di studio postlaurea presso un'università o consorzio di università europee qualora nessun'altra azione preveda un tale sostegno finanziario e qualora possa essere garantita la complementarità coi sistemi bilaterali a livello di Stati membri. La Comunità sostiene un'Associazione di tutti gli studenti (dei paesi terzi ed europei) che abbiano conseguito un master dell'Unione europea.

_ Misure di assistenza tecnica
Per l'esecuzione del programma, la Commissione può ricorrere a esperti, a un'agenzia esecutiva, alle agenzie competenti esistenti negli Stati membri e, se necessario, ad altre forme di assistenza tecnica il cui finanziamento può essere assicurato nel contesto della dotazione finanziaria globale del programma.

Attuazione

La Commissione:
- garantisce l'attuazione delle azioni comunitarie che rientrano nel presente programma;
- tiene conto della cooperazione bilaterale coi paesi terzi condotta dagli Stati membri;
- consulta le associazioni e le organizzazioni competenti nel settore dell'istruzione superiore che operano a livello europeo e informa il comitato di cui all'articolo 8 dei loro pareri;
- cerca di istituire sinergie con altri programmi e azioni intracomunitari nel settore dell'istruzione superiore e della ricerca.

Gli Stati membri:
- adottano le misure necessarie per garantire il regolare funzionamento del programma a livello degli Stati membri, coinvolgendo tutte le parti interessate all'istruzione secondo le prassi nazionali;
- designano strutture appropriate che dovranno cooperare strettamente con la Commissione, in particolare per quanto riguarda le informazioni sul programma;
- si sforzano di adottare le misure che riterranno appropriate per rimuovere le barriere giuridiche e amministrative all'efficace funzionamento del presente programma;
- adottano misure per garantire che le potenziali sinergie con altri programmi comunitari siano realizzate a livello degli Stati membri.

Le seguenti misure, necessarie per l'attuazione della presente decisione, sono adottate:
- un piano di lavoro annuale, comprensivo delle priorità e dei criteri e delle procedure di selezione;
- gli orientamenti generali per l'attuazione del programma;
- il bilancio annuale e la ripartizione dei fondi tra le varie azioni del programma;
- le modalità di controllo e valutazione del programma e di diffusione e trasferimento dei risultati.
Tutte le altre misure necessarie per l'attuazione della presente decisione sono adottate secondo la procedura consultiva.

La Commissione è assistita da un comitato composto dai rappresentanti degli Stati membri e presieduto dal rappresentante della Commissione. Per garantire la coerenza del presente programma, la Commissione tiene regolarmente informato il comitato sulle iniziative comunitarie intraprese nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù, ivi compresa la cooperazione con i paesi terzi e le organizzazioni internazionali. La Commissione, in cooperazione con gli Stati membri, garantisce la coerenza complessiva e la complementarità con le altre politiche, gli altri strumenti e le altre azioni pertinenti della Comunità, in particolare col sesto programma quadro di ricerca e coi programmi di cooperazione esterna nel settore dell'istruzione superiore. La Commissione provvede a un collegamento efficiente, e se del caso ad azioni congiunte, fra il presente programma e i programmi e le azioni nel settore dell'istruzione avviati nel quadro della cooperazione comunitaria coi paesi terzi, compresi gli accordi bilaterali, e le organizzazioni internazionali competenti.

La Commissione controlla regolarmente il presente programma in cooperazione con gli Stati membri. I risultati emersi dal controllo e dalla valutazione sono utilizzati nell'ambito della realizzazione del programma. Il presente programma è valutato regolarmente dalla Commissione. La valutazione è destinata a giudicare la pertinenza, l'efficacia e l'impatto delle azioni realizzate rispetto agli obiettivi del programma, nonché l'impatto del programma nel suo insieme. Un'attenzione particolare va riservata alle questioni di genere e di parità di trattamento, nonché alla prevenzione della fuga dei cervelli. La valutazione riguarda inoltre la complementarità tra le azioni realizzate nell'ambito del presente programma e quelle che rientrano in altre politiche, azioni e strumenti comunitari pertinenti.

La Commissione presenta al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni:
- una relazione sull'adesione di nuovi Stati membri, una relazione sulle conseguenze finanziarie di tali adesioni sul programma, seguita, se del caso, da proposte per far fronte alle conseguenze finanziarie di dette adesioni sul programma;
- entro il 30 giugno 2007, una relazione di valutazione intermedia sui risultati raggiunti e sugli aspetti qualitativi della realizzazione del presente programma;
- entro il 31 dicembre 2007, una comunicazione sul proseguimento del presente programma;
- entro il 31 dicembre 2009, una relazione di valutazione ex post.
Numero di registrazione: 800 / Ultimo aggiornamento: 2013-08-20