Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

JRC-REACTSAFE 2C

Programma successivo

JRC-REACTSAFE 4C

Finanziamento del programma

EUR 151,3 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 72 del 1980-03-18

Riferimento legislativo

80/317/CEE, Euratom del 1980-03-13
Migliorare i progetti e la qualità di fabbricazione dei componenti e dei sistemi per i reattori, al fine di accrescere l'affidabilità del funzionamento e quindi la sicurezza e l'economia delle centrali nucleari, nonché elaborare modelli e codici informatici che descrivano i fenomeni che si verificano nel corso di un incidente.

Riassunto

Prove di simulazione sono state eseguite nell'impianto di depressurizzazione fuori pila LOBI (indagini sul comportamento del reattore ad acqua leggera in condizioni anormali) ed è stato preparato un programma di prova per simulare piccoli e grandi guasti nel ciclo primario del reattore ad acqua leggera, utilizzando l'impianto in pila Super-Sara.

Il 19 Maggio 1981 il Consiglio ha approvato il proseguimento del progetto Super-Sara (Gazzetta ufficiale n. L 72 del 18.3.1980), il più importante esperimento del CCR sulla sicurezza dei reattori. L'obiettivo di questo progetto è di studiare il comportamento del combustibile in un reattore nucleare ad acqua leggera (LWR) in condizioni anormali di funzionamento, in particolare nel caso di perdita di refrigerante come è avvenuto nell'incidente di Three Miles Island negli Stati Uniti.

Il contributo del CCR alla ricerca sulla sicurezza dei reattori veloci a metallo liquido autofertilizzanti (LMFBR) si è concentrato su eventi anormali con un fattore di probabilità molto basso ma che potrebbero causare conseguenze molto gravi sull'integrità della centrale. Riferimenti fondamentali sono stati la pubblicazione dell'EAC (European Accident Code) e l'avvio di un ampio programma di ricerca in pila per risolvere i problemi di smaltimento del calore dopo un incidente (Post-Accident Heat Removal - PAHR). Un programma di prova dei materiali è stato lanciato a sostegno della ricerca sulla sicurezza dei reattori LWR e LMFBR.

Un impegno particolare è stato dedicato a progetti di valutazione dell'affidabilità e del rischio, prima dell'introduzione di una banca dati centralizzata per i reattori ad acqua leggera.

La raccolta dei dati relativi ai reattori della Comunità e il miglioramento delle strutture per la tecnologia dell'informazione ha contribuito allo sviluppo del sistema europeo di dati sull'affidabilità (ERDS), considerato ora uno strumento indispensabile per la valutazione probabilistica del rischi.

Suddivisione

Undici progetti:

- Progetto LOBI:
studio degli incidenti con perdita di refrigerante nei reattori ad acqua leggera;

- Progetto Super-SARA:
esperimenti in pila del comportamento dei combustibili per reattori ad acqua leggera in caso di perdita di refrigerante;

- Progetto di integrità del circuito primario dei reattori ad acqua leggera (LWR):
rilevamento immediato dei difetti nei contenitori del reattore ad acqua leggera;

- Comportamento termoidraulico delle sottounità di combustibili dei reattori veloci;

- Prove meccaniche dei materiali strutturali dei reattori veloci;

- Sviluppo di codici per incidenti ipotetici nei reattori veloci;

- Progetto PAHR (Smaltimento del calore dopo un incidente):
studio sull'evacuazione del calore residuo di un nocciolo fuso di un reattore veloce;

- Progetto PAHR in pila;

- Studio dell'interazione accidentale fra combustibile e refrigerante;

- Studio del comportamento delle strutture e degli involucri di confinamento sottoposti a sollecitazioni accidentali;

- Analisi dell'affidabilità, valutazione dei rischi e banca di dati.

Attuazione

Informazioni attualmente non disponibili.
Numero di registrazione: 83 / Ultimo aggiornamento: 2000-06-05