Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Pubblicazioni
  • Studio della possibilità di impiego del pentossido idrato di antimonio per il ritrattamento della soluzione combustibile del reattore nucleare del CESNEF (Politecnico di Milano)

Riassunto

Numerosi reattori nucleari impiegati nelle ricerche sono del tipo omogeneo ed impiegano soluzioni di uranio arricchito, particolarmente solfato di uranile, come combustibile. Quasi tutti questi reattori non sono più in funzione e la loro soluzione combustibile irradiata è stata trasferita ad impianti di trattamento. Nei paesi privi di tali impianti, il trasporto di questa soluzione costituisce un serio problema. Una possibile alternativa sarebbe quella di inglobare la soluzione in blocchi di calcestruzzo, sino a quando non si procede alla sua liminazione totale. Un'analisi accurata di questa proposta rivela numerosi problemi: perdita del contenuto di materiale fissile, limite delle quantità da inglobare nei blocchi di calcestruzzo, fattori di sicurezza, costi elevati. Tali considerazioni hanno indotto ad uno studio di fattibilità sull'impiego di scambiatori di ioni inorganici per rimuovere i prodotti di fissione ed il plutonio con un elevato fattore di decontaminazione dalla soluzione combustibile del reattore CESNEF L54, senza perdite eccessive di uranio. Dopo alcune prove esplorative, la scelta cadde sul pentossido idrato di antimonio. Il methodo proposto consiste nel porre pentossido idrato di antimonio in fiale a contatto con la soluzione combustibiledel CESNEF o di percolare detta soluzione in colonna e di aggiungere quindi il pentossido idrato di antimonio - che ha stabilizzato i prodotti di fissione ed il plutonio - in blocchi di calcestruzzo idonei. Ciò produrrà una stabilizzazione più sicura ed efficace degli scarichi radioattivi. antimonio. Il metodo proposto consiste nel porre il pentossido idrato antimonio in fiale a contatto con la soluzione combustibile

Informazioni supplementari

Autori: FACCHINI A, Politechnico di Milano (IT);GIRARDI F, JRC Ispra (IT)
Riferimenti bibliografici: EUR 12006 IT (1990) 41 pp., MF, ECU 4
Disponibilità: (2)