Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riassunto

Il rigonfiamento della massa durante il processo di calcinazione di rifiuti radioattivi nitrici tipo MTR è stato studiato per migliorare la tecnologia di vetrificazione in pot. Tale rigonfiamento è influenzato dalla composizione iniziale dei rifiuti e dai parametri operativi adottati nella vetrificazione, quali le condizioni di riscaldamento. In particolare, nel presente lavoro si è studiato un campione rappresentativo di miscele di fanghi alcalini e zeoliti (provenienti dal trattamento mediante declassificazione alcalina di rifiuti liquidi simulati HAW-MTR ad alto contenuto di alluminio) e di additivi vetrificanti. Per comprendere il meccanismo di formazione di tale fenomeno, sono stati esaminati durante il riscaldamento dei campioni in laboratorio: - il punto di rammollimento; - la decomposizione termica dei nitrati mediante l'analisi termogravimetrica differenziale; - i nitrati residui e gli ossidi di azoto emessi; - lo stato di riduzione del ferro dopo riscaldamento in aria o in azoto. Il rigonfiamento della massa avviene tra 923 e 1023 K ed è dovuto allo sviluppo di gas nitrosi a temperature superiori a quelle di rammollimento. Il rimedio per ridurre tale fenomeno consiste nell'aggiunta di sostanze organiche (quali lo zucchero) al materiale da vetrificare.

Informazioni supplementari

Autori: FACCHINI A, Politecnico di Milano, Milano (IT);NANNICINI R, JRC Ispra (IT);SERRINI G, JRC Ispra (IT);ZAMORANI E, JRC Ispra (IT)
Riferimenti bibliografici: Article: Energia Nucleare, Vol. 8 (1991) No. 1, pp. 29-35