Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riassunto

Con il termine di injured cells si intendono cellule microbiche che hanno subito, da parte di agenti di diversa natura alterazioni strutturali o funzionali. Il problema rappresentato dalle injured cells è da riferire al fatto che si tratta di microrganismi quiescenti, cioè in grado, se posti in condizioni particolarmente favorevoli (terreni ad es. non selettivi preferibilmente liquidi), di riparare i danni subiti e di ricominciare a moltiplicarsi normalmente.. Tali cellule non sono infatti in grado di rivivicarsi nei terreni di coltura selettivi, normalmente utilizzati nelle analisi routinarie, da ciò può derivare una sottostima delle cariche microbiche presetni nel mezzo idrico. Gli agenti responsabili della formazione di cellule danneggiate sono molti e fortemente differenziati.
Tra questi vi sono:
i disinfettanti utilizzati nel trattamento di purifcazione dell'acqua, come il cloro che porta alla formazione di notevoli percentuali di injured cells;
Altri antimicrobici in grado di indurre fenomeni di danneggiamento cellulare sono l'ozone, le cloramine, il biossido di cloro e i raggi ultravioletti.
Agenti stressanti per i germi sono inoltre metalli come il rame.
Vanno poi ricordati l'acido etilendiaminotetracetico (EDTA), l'acidità eventuale dell'acqua e le stesse interazioni biologiche fra microganismi. Gli effetti di tali agenti sono riconducibili a danni a livello cellulare nonchè ad alterazioni fisiologiche.

Informazioni supplementari

Autori: PASTONI F, Consiglio dell'Ordine Nazionale dei Biologi, Roma (IT);MARENGO G, JRC Ispra (IT);ZAMPOLLO F, JRC Ispra (IT);MARENGO S, JRC Ispra (IT);TARANTINO E, JRC Ispra (IT)
Riferimenti bibliografici: Paper presented: Capo Rizzuto (IT) September, 1995
Disponibilità: Available from (1) as Paper IT 39391 ORA
Numero di registrazione: 199512160 / Ultimo aggiornamento: 1996-02-02
Categoria: publication
Lingua originale: it
Lingue disponibili: it