Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riassunto

La tecnica del campionamento passivo viene impiegata da molto tempo nel campo dell'igiene industriale come metodo alternativo al campionamento attivo per la determinazione dei composti organici presenti in atmosfera. La concordanza tra campionamento attivo e passivo è stata ampiamente trattata, e sono stati sviluppati e standardizzati protocolli di normalizzazione. Recentemente, la tecnica di campionamento passivo è stata usata anche per il monitoraggio del'aria all'interno ed all'esterno di edifici. Le basse concentrazioni riscontrate nell'aria ambiente richiedono dei lunghi periodi di campionamento, generalmente tra le due e le quattro settimane. D'altra parte, i campionatori passivi per l'aria esterna sono esposti a condizioni atmosferiche molto instabili e molto diverse dalle condizioni ambientali riscontrate nell'ambito dell'igiene industriale. Di conseguenza, non è possibile applicare ad un ambiente esterno i processi di normalizzazione utilizzati per ambienti industriale. Per rendere accettabile questa tecnica come metodo alternativo per il rilevamento di composti organici in atmosfera, è quindi necessario effettuare una nuova normalizzazione per campionatori passivi.

Informazioni supplementari

Autori: PEREZ BALLESTA P, JRC Ispra (IT)
Riferimenti bibliografici: Paper presented: Convegno Nazionale il Monitoraggio dell'Inquinamento Atmosferico, Modena (IT), November 13-14, 1996
Disponibilità: Available from (1) as Paper IT 40216 ORA
Numero di registrazione: 199611488 / Ultimo aggiornamento: 1997-01-16
Categoria: publication
Lingua originale: it
Lingue disponibili: it