Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

WATER4CROPS Risultato in breve

Project ID: 311933
Finanziato nell'ambito di: FP7-KBBE
Paese: Italia

Cooperazione UE-India apre il mercato alle innovazioni per l’efficienza idrica

Ricercatori europei e indiani insieme hanno sviluppato e collaudato nuove tecnologie per l’efficienza idrica, mirate al settore agricolo, e identificato nuove opportunità commerciali per le PMI interessate a commercializzare tali innovazioni.
Cooperazione UE-India apre il mercato alle innovazioni per l’efficienza idrica
Per evitare situazioni di carestie, malattie e conflitti a causa delle risorse in futuro, sono urgentemente necessari sforzi globali per mettere in pratica metodi più intelligenti e sostenibili per l’utilizzo e il riutilizzo dell’acqua. Ciò è particolarmente urgente nelle economie rurali, dove il 70-90 % delle acque dolci viene attualmente usato per l’irrigazione agricola. Questo è semplicemente insostenibile, considerando che per nutrire la nostra crescente popolazione sarà necessario produrre il 50 % di alimenti in più entro il 2030, e il doppio entro il 2050.

“Aumentare l’efficienza idrica è fondamentale per migliorare il benessere e l’equità sociale, e per ridurre i rischi ambientali e la scarsità delle risorse,” spiega il coordinatore del progetto WATER4CROPS, Antonio Lopez dell’Istituto di Ricerca Sulle Acque (IRSA) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) in Italia.

Identificare opportunità sostenibili

Per raggiungere questo obiettivo, questo progetto finanziato dall’UE, che ha riunito istituzioni, università, industrie e PMI europee e indiane, ha tentato di identificare miglioramenti tecnologici e buone prassi innovativi nel settore del trattamento biologico delle acque reflue e tecniche di efficienza idrica, oltre a possibili nuove opportunità nel settore agricolo.

In entrambe le regioni sono stati condotti studi sul campo su larga scala. Pertanto, il progetto è stato in grado di dimostrare metodi efficaci per ottenere prodotti e sostanze chimiche valorizzabili dalle acque reflue del settore agro-alimentare e come le acque reflue urbane possono essere trattate da tecnologie basate sulle piante semplici ed economicamente sostenibili. Accoppiando esempi riusciti dall’Europa e dall’India, il progetto è riuscito a trasferire cononoscenze e migliori prassi.

WATER4CROPS ha anche mostrato che il risparmio idrico e un uso efficiente dell’acqua possono essere ottenuti tramite un’accurata selezione di sistemi e strategie di irrigazione ottimimizzati, e attraverso stime tecnologicamente assistite del fabbisogno di acqua per le colture. Le colture resistenti alla siccità sono state migliorate tramite la selettocoltura. I particolari degli studi possono essere consultati sul sito web del progetto.

“Gli agricoltori in Europa e in India potranno sicuramente trarre vantaggio da questi risultati positivi, ma anche il settore chimico dovrebbe essere interessato alla possibilità di recuperare prodotti di valore dalle acque reflue agro-alimentari,” dice Lopez. “Abbiamo anche identificato opportunità per le imprese di tecnologia locali per lo sviluppo e l’attuazione di tecnologie avanzate per il risparmio e il recupero idrico.”

Trasformare i risultati in realtà

I risultati ottenuti sono stati presentati e discussi durante varie piattaforme delle parti interessate “INNOVA”, che si sono tenute sia in Europa che in India nel corso del progetto. “Una delle cose originali e davvero impegnative del nostro approccio è stato il fatto che abbiamo veramente coinvolto le parti interessate – produttori e utenti di tecnologia locali, rivenditori e legislatori – al fine di garantire che i nostri risultati siano davvero attuabili,” dice Lopez. “Attraverso queste piattaforme sono state identificate strozzature locali nello sviluppo economico, oltre a quadri esistenti per promuovere l’utilizzo delle acque reflue nell’irrigazione agricola.”

Lopez fa notare che non tutto è nelle mani dei ricercatori e che il progetto ha anche esaminato l’impatto delle normative. “In Europa, ad esempio, la legislazione sul riutilizzo delle acque reflue agricole è spesso talmente rigorosa che limita l’assimilazione tecnologica, mentre in India una mancanza di regole affidabili o della loro applicazione riducono l’incentivo di investire nel trattamento,” dice Lopez. “La sfida per ogni governo o legislatore è di trovare un equilibrio tra rigore e tolleranza nel fissare le norme per la qualità dell’acqua, e il progetto ha tentato di aiutare i responsabili delle politiche in questo senso.”

In seguito alla conclusione del progetto, Lopez intende ora vedere le tecnologie promettenti fare il loro ingresso sul mercato al più presto possibile. “Nel corso di questo progetto, la preparazione tecnica di varie tecnologie è migliorata tantissimo.” Ciò di cui abbiamo bisogno ora sono progetti pilota dedicati più grandi per convalidare questi gruppi di tecnologie. Mi piacerebbe vedere questi progetti pilota basarsi sulle tecnologie per le quali la prova di concetto è già stata riconosciuta, le tecnologie possono poi essere applicate, migliorate e sviluppate per un uso effettivo. Nel lungo periodo, auspichiamo che le nostre soluzioni condurranno sia l’Europa che l’India verso la realizzazione di un’economia verde.”

Informazioni correlate

Keywords

WATER4CROPS, efficienza idrica, PMI, collaborazione UE-India, INNOVA, settore agro-alimentare, acque reflue, sostenibilità, efficienza delle risorse
Numero di registrazione: 157600 / Ultimo aggiornamento: 2015-06-17
Dominio: Ambiente