Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

BRIMEE Risultato in breve

Project ID: 608910
Finanziato nell'ambito di: FP7-NMP
Paese: Italia

Ridurre i costi dell’isolamento con i materiali nanostrutturati

Un progetto dell’UE ha sviluppato un materiale nanostrutturato che offre un isolamento incredibile e una migliore qualità dell’aria negli ambienti interni. Esso viene ora testato come prodotto edilizio pronto per l’uso.
Ridurre i costi dell’isolamento con i materiali nanostrutturati
Il progetto BRIMEE (Cost-effective and sustainable Bio-Renewable Indoor Materials with high potential for customisation and creative design in Energy Efficient buildings), lanciato a luglio 2013 e finanziato dall’UE, ha sviluppato materiali isolanti con performance ottimizzata per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, ridurre l’energia di esercizio e assorbire gli inquinanti degli ambienti interni. Attualmente sono in corso i test in condizioni di vita reale. Il progetto presenterà la propria capacità innovativa con due edifici dimostrativi in zone climatiche differenti: la Spagna e la Repubblica ceca.

“Questo progetto trasformerà un materiale espanso, nanostrutturato e completamente biologico (schiuma di nanocellulosa sviluppata con tecnologia brevettata da una start-up che fa parte del consorzio BRIMEE) in un prodotto adatto all’isolamento interno nell’ambiente costruito”, spiega il coordinatore del progetto Andrea Maria Ferrari di D’Appolonia, Italia. “Siamo sicuri che diventerà un materiale di riferimento nell’isolamento dei muri perimetrali, nei soffitti e in altre parti degli edifici.”

I principali beneficiari del progetto saranno probabilmente le PMI coinvolte nella catena di produzione dei pannelli isolanti, perché potranno sfruttare la produzione di un materiale innovativo che offre un isolamento affidabile insieme ad altri vantaggi associati al risparmio energetico.

Sebbene il prodotto finale sarà utilizzabile negli ambienti interni di edifici sia nuovi che esistenti, il progetto ha identificato il maggior potenziale di mercato negli edifici costruiti prima del 1975 che necessitano di ristrutturazione. Questo sarà il primo mercato target, in linea con le priorità politiche di accrescere il valore dell’edilizia esistente, migliorare la qualità della vita per gli abitanti e ridurre l’impronta ambientale del settore edilizio in generale.

“Speriamo di dimostrare la fattibilità industriale e la sostenibilità di un pannello isolante che non solo è efficace in termini di capacità schermatura termica e acustica, ma può anche essere installato senza alcun impatto negativo sulla qualità dell’aria degli ambienti interni,” dice Ferrari. “L’obiettivo finale è un pannello che piaccia agli abitanti, adatto a essere installato in ambienti interni e con buone caratteristiche di assenza di reazioni chimiche con l’atmosfera.”

La schiuma di nanocellulosa può essere ulteriormente rafforzata con resine di origine naturale, fornendo così una maggior forza meccanica, peso specifico ridotto e anche proprietà autoestinguenti, fondamentali per il settore edilizio. Inoltre, si possono applicare additivi sulla superficie per fornire ulteriori funzionalità come rilascio di profumi, impermeabilizzazione e proprietà antibatteriche.

A causa dei volumi necessari la disponibilità della schiuma rappresenta ancora un problema, sebbene Ferrari sia fiducioso rispetto al superamento di questo ostacolo grazie alla costruzione pianificata di un impianto di produzione dedicato alla fabbricazione di materiali nanostrutturati. “Per tradurre l’idea in un prodotto reale, finalizzato e pronto per la commercializzazione sono certamente necessarie altre attività inclusi test, valutazioni, sviluppo pilota e ottimizzazione” dice Ferrari. “Ma crediamo che saremo un progetto pionieristico in cui le nanotecnologie diventano un vero elemento costitutivo nell’ingegneria dei materiali”.

Il completamento del progetto è previsto nel 2017.

Informazioni correlate

Keywords

Isolamento, qualità dell’aria, edificio, bio-rinnovabile, ambienti interni
Numero di registrazione: 173495 / Ultimo aggiornamento: 2015-12-11
Dominio: Tecnologie industriali