Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

ECO-SEE Risultato in breve

Project ID: 609234
Finanziato nell'ambito di: FP7-NMP
Paese: Regno Unito

Una boccata d’aria fresca con i pannelli da parete ad alto isolamento

Sono attualmente in fase di sperimentazione nuovi materiali da costruzione all’avanguardia per affrontare il problema della scarsa qualità dell’aria, migliorando al contempo i livelli di efficienza energetica.
Una boccata d’aria fresca con i pannelli da parete ad alto isolamento
Il progetto ECO-SEE, finanziato dall’UE, sta sviluppando pannelli da parete ad alto isolamento che sono stati trattati con nuovi materiali e pitture di rivestimento. I pannelli consentono di potenziare la capacità dei materiali da costruzione di regolare l’ambiente interno in modo naturale e catturare composti organici volatili (COV) che, in alcuni casi, potrebbero danneggiare la salute umana o l’ambiente.

Il gruppo di lavoro sta inoltre sviluppando rivestimenti fotocatalitici del tutto nuovi tramite l’utilizzo delle nanoparticelle, in grado di decomporre sostanze chimiche pericolose in caso di esposizione alla luce del sole e, di conseguenza, di impedirne il rilascio nell’aria.

Pete Walker, coordinatore del progetto e docente presso l’Università di Bath, nel Regno Unito, ha spiegato che “La creazione di prodotti potenziati a un prezzo inferiore garantisce soluzioni economiche che registrano un enorme potenziale in termini di impatto sul mercato reale.” “Il nostro obiettivo – continua Walker – consiste nel commercializzare prodotti in grado di offrire una riduzione di almeno il 15 % di energia grigia rispetto ai materiali da costruzione tradizionali, con un aumento del 20 % della durata della vita e un equivalente abbattimento dei costi di costruzione”.

Dopo aver sviluppato con successo una serie di prototipi di materiali isolanti, rivestimenti e rivestimenti fotocatalitici, l’iniziativa ECO-SEE sta adesso entrando nella fase dimostrativa finale. Tre progetti sono stati svolti in Spagna e nel Regno Unito, mentre altri due dovrebbero presto concludersi in Italia e in Germania.

I membri del progetto sono fiduciosi del fatto che le innovazioni condurranno alla nascita di nuovi mercati e che questi progressi offriranno vantaggi importanti anche agli utenti finali.

“Questo progetto affronta un problema sanitario emergente associato ai moderni edifici a basse emissioni di carbonio”, spiega Walker. “Inoltre, l’elevata ermeticità degli edifici moderni, che garantisce un miglioramento dell’efficienza energetica e un contenimento dell’impronta di carbonio, causa effetti collaterali inattesi. Ad esempio, le ricerche hanno dimostrato che l’accumulo di sostanze chimiche potenzialmente dannose nell’aria potrebbe avere effetti negativi sulla salute degli occupanti di tali spazi.”

Il progetto è stato avviato nel 2013 attraverso l’identificazione di materiali potenziali con la cattura di COV e lo studio delle proprietà di tamponamento dell’umidità. I lavori sono proseguiti con lo sviluppo di rivestimenti fotocatalitici e di nuovi materiali e la conduzione di esperimenti su varie tipologie di prodotti organici, tra cui pannelli di legno e materiali in calce e argilla.

Questa fase iniziale ha consentito al team di ideare un modello olistico di qualità degli ambienti interni (Indoor Environment Quality, IEQ) attualmente utilizzato per guidare lo sviluppo dei prototipi. Nel corso del progetto, gli esperti condurranno una serie di valutazioni del ciclo di vita (Life Cycle Assessment, LCA) e di valutazioni dei costi del ciclo di vita (Life Cycle Cost, LCC) che garantiranno la sostenibilità dei risultati del progetto.

Walker ha spiegato che “Nel complesso, i lavori tecnici stanno procedendo come previsto e l’iniziativa ECO-SEE sta entrando nella fase relativa all’integrazione delle innovazioni sviluppate dai partner nei pannelli da parete ad alte prestazioni.” Garantire uno sviluppo commerciale riuscito e duraturo nonché la valorizzazione dei risultati sarà la sfida principale negli ultimi sei mesi del progetto. La conclusione dei lavori, che dureranno quattro anni, è prevista per la fine di agosto del 2017.

Keywords

Pannelli da parete, composti organici volatili, interno, aria fresca
Numero di registrazione: 173503 / Ultimo aggiornamento: 2017-03-07