Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Fuoriuscita delle acque freatiche nel Mar Baltico per migliorare la gestione delle coste europee

Un progetto dell’UE ha studiato la fuoriuscita delle acque freatiche dalla terraferma verso il Mar Baltico sudoccidentale. I risultati aiuteranno gli scienziati a studiare l’ambiente marino costiero.
Fuoriuscita delle acque freatiche nel Mar Baltico per migliorare la gestione delle coste europee
Le acque freatiche scorreranno verso il mare ovunque il terreno del gradiente idraulico sia situato più in alto rispetto al livello del mare e ci siano dei varchi permeabili che collegano gli acquiferi continentali agli oceani. Questo flusso di acqua sotto la superficie permette al materiale disciolto di essere trasportato dai continenti fino agli oceani del pianeta. Anche se gli studi hanno mostrato che delle acque non controllate entrano nel Mar Baltico attraverso questa via, le ricerche sull’importanza della fuoriuscita sottomarina di acque freatiche (SGD, submarine groundwater discharge) sono state limitate.

Per colmare questa lacuna nella ricerca, il progetto SGDBALTIC (The importance of submarine groundwater discharge for the southwestern Baltic Sea), finanziato dall’UE, ha monitorato la SGD nel Baltico sudoccidentale e ha misurato i flussi di nutrienti a essa associati selezionandone gli elementi principali e presenti in tracce.

I benefattori del progetto hanno concentrato le attività sulla Baia di Eckernförde in ragione della sua alta concentrazione di siti di SGD. Sono stati usati vari tipi di misurazione per i flussi al fine di determinare la SGD totale annuale nella baia. Sono state ottenute concentrazioni di vari nutrienti, cioè silicio, fosfato e azoto.

Il team di SGDBALTIC ha calcolato i flussi di azoto e fosfato annuali della SGD nella baia e li ha poi confrontati con i flussi totali di azoto e fosforo nel Mar Baltico tedesco. Circa il 17 % dei flussi totali di azoto e il 22 % dei flussi totali di fosforo della baia entrano nel Mar Baltico tedesco. I risultati hanno mostrato che l’azoto originato dalle acque freatiche con alti livelli di nutrienti era dovuto ai fertilizzanti usati in agricoltura. I ricercatori propongono una riduzione dell’uso di fertilizzanti e una rimozione dei nutrienti contenuti nelle acque freatiche per ridurre i flussi di nutrienti dovuti a SGD nel Mar Baltico sudoccidentale.

SGDBALTIC ha contribuito alla comprensione del collegamento tra i continenti e gli oceani. Questo avrà importanti ripercussioni sulla gestione delle regioni costiere in Europa nell’ottica degli obiettivi politici dell’UE.

Informazioni correlate

Keywords

Mar Baltico, cambio della fuoriuscita delle acque freatiche, SGDBALTIC, flussi di nutrienti