Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

LEIT2014 Risultato in breve

Project ID: 608892
Finanziato nell'ambito di: FP7-NMP
Paese: Italia

Una nuova visione europea per la ricerca e l’innovazione

L’Europa deve rafforzare la sua competitività e promuovere gli investimenti per creare opportunità di lavoro e benessere. Un conferenza internazionale che si è svolta a Bologna ha discusso il ruolo delle tecnologie abilitanti fondamentali nell’affrontare le sfide per la società europee e che potrebbero portare a una rinascita dell’Europa.
Una nuova visione europea per la ricerca e l’innovazione
Per affrontare le sfide per la società imposte dalla globalizzazione ed evitare il declino economico e sociale in Europa, è fondamentale mobilitare tutti i talenti nella cultura, scienza, tecnologia e innovazione. Le tecnologie abilitanti fondamentali possono giocare un ruolo importante nel collegare la ricerca di frontiera al mercato.

LEIT2014 (Leadership in enabling and industrial technologies for European societal challenges 2014 (nanotechnologies and advanced materials, manufacturing and processing)) ha tentato di capire come le nanotecnologie, i materiali avanzati, la fabbricazione avanzata, la trasformazione avanzata e le biotecnologie possono affrontare tali sfide attraverso nuovi prodotti, processi e servizi. Con il suo supporto, la conferenza LET’S 2014 ha messo in evidenza che l’industria ha bisogno della capacità di integrare la creatività, la cultura, la conoscenza e la competitività attraverso un approccio sistematico, per ottenere prodotti e servizi di alta qualità.

L’Europa dovrebbe quindi unire le forze per costruire un sistema competitivo per la ricerca e l’innovazione, caratterizzato da infrastrutture avanzate, giovani talenti e una produzione robusta di ricerca di frontiera. Le piccole e medie imprese, comprese le start-up, mobiliteranno la società e attireranno investimenti e persone di talento.

La ricerca può fornire innovazioni che segnano una svolta, capaci di creare nuovi settori industriali e rigenerare quelli esistenti. Questo può comportare opportunità singolari per lo sviluppo a lungo termine, posti di lavoro di alta qualità e benessere.

Il coordinamento degli strumenti finanziari, l’unificazione di meccanismi di finanziamento diversi in un unico quadro di supporto e la riduzione delle differenze normative negli Stati membri, contribuirà alla trasformazione più rapida della conoscenza in esiti innovativi.

La collaborazione con i centri di ricerca e le università fornirà all’industria un vantaggio competitivo, aiutandola a raggiungere esigenze particolari grazie a prodotti e processi innovativi. Le fabbriche dovrebbero applicare tecnologie ad alte prestazioni, la produzione additiva e servizi innovativi di fine vita utile. Un approccio antropocentrico stimolerà lo sviluppo di prodotti e la crescita.

Dal momento che le persone sono un bene sempre più prezioso per il futuro dell’Europa, liberare il loro potenziale attraverso un’istruzione efficace è un fattore fondamentale per lo sviluppo. L’educazione a ogni livello deve giungere a un punto dove la conoscenza conduce alla capacità di risolvere problemi. È necessario un nuovo tipo di istruzione permanente per valorizzare la cultura europea esistente, comprendere le altre culture e creare nuovi paradigmi per servire e affrontare la società del futuro.

Informazioni correlate

Keywords

Innovazione, tecnologie abilitanti, sfide per la società, ricerca di frontiera, fabbricazione, trasformazione
Numero di registrazione: 175179 / Ultimo aggiornamento: 2016-02-19
Dominio: Tecnologie industriali