Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

IBIS Risultato in breve

Project ID: 327341
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Francia

I meccanismi che regolano l’immunità basale nei virus delle piante

I biologi hanno cercato di capire come le piante percepiscano i virus patogeni e rafforzino le loro difese naturali contro l’attacco.
I meccanismi che regolano l’immunità basale nei virus delle piante
Gli organismi rilevano i microbi riconoscendo i profili molecolari associati a patogeni (PAMP) attraverso recettori di riconoscimento di profili (PRR). L’interazione tra i PAMP e i PRR attiva una serie di reazioni di difesa rapide ed efficienti, che determinano l’immunità innata (PAMP-triggered immunity, PTI). Tuttavia, alcuni patogeni riescono a superare tali difese, attraverso proteine effettrici per interferire con la PTI.

Il progetto IBIS (Identification of basal immunity mechanisms against plant pathogenic viruses), finanziato dall’UE, ha indagato sul modo con cui le piante percepiscono i virus e trasmettono il segnale di immunità per realizzare la resistenza vegetale. I ricercatori si sono proposti di identificare l’immunità basale contro i virus delle piante, utilizzando analisi trascrittomiche, per capire come il virus della vaiolatura delle drupacee (PPV) interagisca con l’organismo modello dell’Arabidopsis thaliana. L’immunità basale è la prima linea delle difese preformate, che tutelano le piante contro interi gruppi di patogeni.

Gli specialisti in biologia vegetale hanno identificato i componenti cellulari implicati nell’immunità basale contro il PPV e hanno eseguito una caratterizzazione funzionale degli effettori del PPV che sopprimono l’immunità basale delle piante. Hanno anche valutato la sovrapposizione tra le vie dell’immunità basale attivate dai patogeni delle piante. È stata effettuata l’analisi genetica inversa sull’Arabidopsis, per stabilire se le proteine già adottate nell’immunità basale delle piante contro i patogeni non virali potessero anche svolgere un ruolo nella resistenza della pianta rispetto ai virus.

I risultati hanno rivelato il ruolo dell’insieme di meccanismi PTI nell’Arabidopsis, corroborando l’ipotesi che le piante si difendono dai virus attraverso l’immunità basale. Hanno anche confermato l’ipotesi che le vie dell’immunità basale contro i patogeni virali sono almeno parzialmente condivise con le vie dell’immunità basale contro i patogeni non virali. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che una proteina PPV è in grado di regolare negativamente le risposte attivate da PAMP, dimostrando per la prima volta che il genoma dei virus delle piante può codificare gli effettori patogeni che sopprimono la PTI.

I virus sono capaci di evolversi molto rapidamente per vincere la resistenza genetica impiegata dai selettocoltori per tenere sotto controllo epidemie virali. Pertanto, il trasferimento delle nuove conoscenze maturate da IBIS sui meccanismi di PTI antivirali in programmi di miglioramento delle colture sarà un importante passo avanti nella lotta per tenere sotto controllo epidemie virali sul campo.

Informazioni correlate

Keywords

Immunità basale, virus patogeni, profili molecolari associati a patogeni, recettori di riconoscimento di profili
Numero di registrazione: 180961 / Ultimo aggiornamento: 2016-04-06
Dominio: Biologia, Medicina