Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Sviluppata una nuova analisi per l’epcidina

Alcuni ricercatori hanno creato un’analisi basata su nanoparticelle per l’epcidina, un peptide che si trova nel sangue e nelle urine che può essere utilizzato per diagnosticare disturbi associati al ferro.
Sviluppata una nuova analisi per l’epcidina
L’epcidina è una proteina corta che regola i livelli di ferro nell’uomo e ha un ruolo importante nell’anemia, nella malattia cardiovascolare e in quella epatica. Può essere individuata nel sangue e nelle urine ma i test convenzionali non sono sufficientemente sensibili per la diagnosi.

Per creare un’analisi più sensibile per l’epcidina il consorzio PINP (Synthesis of peptide imprinted nanoparticles and their integration to ELISA-like assay for the quantification of hepcidin) mirava a utilizzare la tecnologia dell’imprinting molecolare (MIP) per creare un recettore sintetico per l’epcidina.

I ricercatori hanno scelto due regioni chiave del peptide epcidina da usare come modello per creare questo recettore sintetico. Nella prima parte del progetto hanno sintetizzato queste due regioni.

Poi hanno utilizzato questo modello per creare una nanoparticella MIP con una cavità complementare che imita un recettore dell’epcidina, in modo molto simile a un sistema serratura-chiave.

PINP ha poi testato le nanoparticelle MIP per la specificità rispetto all’epcidina e la loro integrità strutturale prima di creare un’analisi su queste molecole. L’analisi ha avuto successo nell’identificare l’epcidina ma funzionava per un intervallo di concentrazioni molto ridotto.

L’analisi per l’epcidina creata da PINP è ora pronta per essere ulteriormente sviluppata in un test commerciale. Una volta completata l’analisi sarà enormemente utile nella lotta contro i disturbi associati al ferro.

Informazioni correlate

Keywords

Analisi, epcidina, disturbi associati al ferro, tecnologia dell’imprinting molecolare, recettore sintetico
Numero di registrazione: 181035 / Ultimo aggiornamento: 2016-04-14
Dominio: Biologia, Medicina