Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

NK in pregnancy Risultato in breve

Project ID: 301171
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Regno Unito

Il ruolo singolare delle cellule immunitarie in gravidanza

Le cellule natural killer (NK) del sistema immunitario sono in grado di uccidere cellule infette o maligne senza sensibilizzazione preliminare. Alcuni scienziati europei hanno studiato questo ruolo unico del sottoinsieme uterino di queste cellule durante la gravidanza.
Il ruolo singolare delle cellule immunitarie in gravidanza
La gravidanza nei vertebrati è caratterizzata dalla coesistenza di due organismi geneticamente distinti con le cellule placentali che invadono i tessuti e la vascolatura materni. L’utero è molto ricco di cellule NK ma sorprendentemente queste cellule NK uterine (uNK) non sono killer molto efficaci. Nel progetto NK IN PREGNANCY (Impact of natural killer cells on fetal and placental development), finanziato dall’UE, gli scienziati hanno studiato il ruolo delle cellule uNK sull’interfaccia dei tessuti materni e fetali, nonché il modo in cui esse agiscono sullo sviluppo della placenta e del feto.

Nella prima fase del progetto i ricercatori hanno identificato le NK e altri sottoinsiemi di cellule linfoidi innate (ILC) nell’utero durante la gravidanza, utilizzando modelli murini. Hanno scoperto che le cosiddette cellule NK residenti nei tessuti (trNK) sono predominanti all’interno della parete uterina, mentre le cellule NK convenzionali (cNK) aumentavano nella mucosa uterina fortemente vascolarizzata (decidua). La decidua però non presentava sottotipi di ILC quali ILC2 e ILC3. Curiosamente poi il fattore nucleare interleuchina-3 (NFIL3), un fattore di trascrizione chiave per tutte le ILC murine, non era necessario per lo sviluppo di trNK, ILC1 e ILC3.

L’interferone gamma (IFNg) prodotto dalle cellule uNK ricopre un ruolo essenziale nel rimodellamento delle arterie spirali uterine che garantisce un rifornimento ottimale di ossigeno e nutrienti al feto. Un rimodellamento insufficiente è associato a complicazioni della gravidanza inclusi gestosi, aborto ricorrente e deficit di crescita fetale. L’analisi dei profili delle citochine dei sottoinsiemi cellulari di ILC e uNK ha dimostrato che ILC1, le cellule trNK e le cellule cNK producono IFNg.

In conclusione questi studi hanno caratterizzato per la prima volta il ruolo di cNK, trNK e altri sottotipi di ILC in gravidanza in un modello murino. Queste scoperte sostengono la ricerca in un settore in rapida evoluzione e offrono informazioni con applicazioni traslazionali sull’uomo per trattare i disturbi della gravidanza.

Informazioni correlate

Keywords

Gravidanza, cellule NK, NFIL3, IFNg
Numero di registrazione: 181123 / Ultimo aggiornamento: 2016-04-26
Dominio: Biologia, Medicina