Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Nanoparticelle reattive per il rilascio dei farmaci

L’applicazione della nanotecnologia in medicina si sta rapidamente diffondendo. Alcuni ricercatori ne hanno esteso l’implementazione al fine di rilasciare miratamente i farmaci, incorporando una risposta a stimoli specifici.
Nanoparticelle reattive per il rilascio dei farmaci
La nanoparticelle, con le loro piccole dimensioni e la loro capacità di funzionalizzazione, stanno emergendo come interessanti vettori per la consegna dei farmaci. Oltre a penetrare diversi comparti cellulari come il nucleo, il loro potenziale di attraversamento della barriera ematoencefalica potrebbe aprire nuove strade alla consegna di farmaci nel cervello.

L’obiettivo principale del progetto STIRENA (Dual stimuli-responsive nanoparticles as novel topical drug delivery systems), finanziato dall’UE, era sintetizzare e caratterizzare nanoparticelle adatte al rilascio mirato di farmaci. Queste particelle organiche sono state progettate per rilasciare il loro contenuto in risposta a stimoli come temperatura e pH. A tal fine si sono utilizzati materiali doppiamente reattivi a pH e temperatura, come le poliossazoline, montate su una struttura di chitosano.

Gli scienziati hanno generato nanoparticelle fluorescenti di idrogel e ne hanno ottimizzato il processo di carico del farmaco e l’efficacia dell’inclusione. Le nanoparticelle termo-reattive avevano un diametro di 30 nm ed erano caricate di acido retinoico.

Lo screening in vitro di queste nanoparticelle su cellule staminali neurali non ha dimostrato problemi di tossicità o vitalità cellulare. I ricercatori hanno dimostrato il rilascio efficace dell’acido retinoico utilizzando la temperatura e il pH e sono riusciti a mantenere l’identità delle cellule staminali neurali impedendo la differenziazione.

Il sistema di rilascio mirato di farmaci STIRENA, mediato da particelle reattive a un doppio stimolo, ha permesso agli scienziati di controllare il rilascio del farmaco modificando lo stimolo. In un contesto clinico ciò potrebbe tradursi in un sistema di consegna cutanea che permette il rilascio del farmaco solo quando il tessuto invia il messaggio adatto.

Informazioni correlate

Keywords

Nanoparticelle, rilascio mirato di farmaci, temperatura, pH, cellule staminali neurali
Numero di registrazione: 181124 / Ultimo aggiornamento: 2016-04-26
Dominio: Biologia, Medicina