Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Le diete ad alto contenuto di grassi danneggiano la memoria

Gli scienziati hanno scoperto che l’obesità e la dieta ad alto contenuto di grassi influiscono sulla produzione di neuroni nel cervello: un risultato che potrebbe avere ripercussioni su milioni di persone in tutto gli mondo. Questa situazione può danneggiare le funzioni cognitive, come la memoria.
Le diete ad alto contenuto di grassi danneggiano la memoria
Le cellule staminali neurali (CSN) rinnovano costantemente il cervello degli adulti con nuove cellule nervose chiamate neuroni, che svolgono funzioni estremamente importanti in particolari aree del cervello, tra cui l’ippocampo, che è responsabile della memoria.

L’attività delle CSN è profondamente influenzata da fattori ambientali, come stress, malattie e alimentazione. Poiché l’obesità indotta dalla dieta è stata collegata al conseguimento di risultati scarsi nei test cognitivi riguardanti la memoria, gli scienziati che collaborano al progetto OBINNSC1 (The physiological control of stem cells: Obesity, insulin, and neural stem cell dynamics), finanziato dall’UE, hanno cercato di chiarire se le diete ad alto contenuti di grassi influiscano sullo sviluppo dei neuroni nell’ippocampo degli adulti.

Il team ha quindi sottoposto alcuni topi a una dieta molto ricca di grassi per 16 settimane, durante le quali gli animali sono diventati obesi e hanno sviluppato la resistenza all’insulina, una condizione che precede il diabete. I ricercatori hanno esaminato il numero di neuroni prodotti dalle CSN in vari punti di tempo durante l’esperimento,

Scoprendo che, inizialmente, i topi obesi producevano nuovi neuroni con una velocità maggiore rispetto a quelli che seguivano una dieta normale. Al termine delle 16 settimane, tuttavia, nei primi la produzione di neuroni risultava ridotta di circa il 20 %.

Questi dati suggeriscono che prima di diventare obesi, l’aumento della produzione di neuroni indotto dai grassi abbia esaurito la disponibilità di cellule staminali. Una volta diventati obesi, la produzione di neuroni e le abilità cognitive che vi sono associati sono rallentate.

Successivamente, i ricercatori hanno cercato di stabilire se la produzione di neuroni fosse influenzata dalla dieta ad alto contenuto di grassi in sé o dai tessuti adiposi dei topi obesi. A questo fine, hanno testato ceppi di topi che non diventano obesi anche in presenza di un’alimentazione grassa e i risultati preliminari indicano che il consumo di molti grassi, anche senza sviluppare l’obesità, è sufficiente per danneggiare la produzione di neuroni e la funzione cerebrale.

La scoperta del team OBINNSC1 che i grassi alimentari influiscono negativamente sulle dinamiche delle cellule staminali, indipendentemente dall’aumento di peso, evidenzia l’importanza di una dieta ben equilibrata. I dati ottenuti suggeriscono che le scelte alimentari influiscono direttamente sulla funzione cerebrale e presentano implicazioni particolarmente gravi per i 3,75 milioni di bambini obesi presenti in Europa.

Informazioni correlate

Keywords

Diete ad alto contenuto di grassi, memoria, obesità, produzione di neuroni, cellule staminali neurali