Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

RadioTransients Risultato in breve

Project ID: 328716
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Regno Unito

Rilevazione di transienti radio

Un team dell’UE ha impiegato dei radio telescopi connessi per studiare i fenomeni astronomici che appaiono improvvisamente con un bagliore per poi scomparire rapidamente. Il progetto ha studiato i potenti getti associati ai dischi di accrescimento e ha contribuito a preparare future attrezzature.
Rilevazione di transienti radio
Specifici eventi astrofisici estremamente potenti ma brevi ora sono relativamente comuni e quindi adatti allo studio sistematico mediante telescopi radiofonici. Nuove tecnologie che combinano molte piccole antenne in sistemi di grandi dimensioni permettono il monitoraggio continuo del cielo in modo altamente dettagliato.

Il progetto RADIOTRANSIENTS (Detecting and characterizing radio transients), finanziato dall’UE, è nato con l’obiettivo di utilizzare nuovi sistemi di telescopi per osservare e rilevare i fenomeni transitori di interesse. In particolare, lo studio ha analizzato i getti: potenti raggi di energia provenienti dai dischi di accrescimento che ruotano velocemente nei pressi di oggetti massicci. Il consorzio ha programmato di coordinare analisi simultanee degli eventi rilevati utilizzando monitor a raggi X e raggi gamma, e di commissionare un nuovo monitor.

I ricercatori hanno inizialmente familiarizzato con gli algoritmi utilizzati per la rilevazione degli oggetti transitori. Il team ha escogitato un sistema per classificare gli oggetti in base al tempo impiegato dai segnali per arrivare al picco e scomparire.

Inoltre, è stato preparato un apparato che svolge uno studio di follow-up multi-lunghezza d’onda in relazione agli oggetti rilevati. Il Consorzio ha ottenuto finanziamenti per MeerLICHT, il monitor ottico per il sistema MeerKAT internazionale. I progetti sono stati completati, tra cui un software di riduzione dei dati, e i problemi di archiviazione dei dati sono stati risolti.

Poiché i getti costituiscono un aspetto fondamentale del progetto, i ricercatori hanno ricevuto una formazione sul tema, in preparazione alla ricezione e interpretazione dei dati. Il team è pronto a studiare gli oggetti che producono getti, tra cui buchi neri, stelle di neutroni e nane bianche, e i tassi di occorrenza dei getti prodotti dalle nane bianche. Il completamento della fase è dipeso dalla disponibilità dei dati TunderKat.

I risultati offrono prove per un gruppo di scoppi deboli e di breve durata sottorappresentato nei campioni convenzionali. Un’ulteriore scoperta ha coinvolto emissioni sorprendentemente forti nel medio infrarosso in un gruppo di stelle simili alle novae. I dati supportano due teorie differenti circa il probabile meccanismo. I ricercatori hanno studiato anche i cicli delle novae nane. Questa fase ha offerto la posizione spaziale degli oggetti, osservazioni sui cambiamenti di luminosità dei raggi X e suggerimenti per la rilevazione futura mediante il Large Synoptic Survey Telescope. Gli astronomi hanno inoltre scoperto due nuovi transienti di raggi X utilizzando i dati archiviati dal telescopio Chandra.

In futuro, il contributo del lavoro a terra relativo al progetto RADIOTRANSIENTS per la scienza degli oggetti astronomici transitori offrirà dei benefici per il settore. Il lavoro permette una rapida rilevazione e identificazione degli oggetti che emettono brevi bagliori nel cielo.

Informazioni correlate

Keywords

Transienti radio, astronomico, getti, dischi di accrescimento
Numero di registrazione: 182886 / Ultimo aggiornamento: 2016-06-07
Dominio: Tecnologie industriali