Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

SCComplexity Risultato in breve

Riferimento del progetto: 628423
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Austria

La complessità della catena di approvvigionamento

Un progetto finanziato all’UE ha studiato l’importanza e la gestione della complessità nella catena di approvvigionamento.
La complessità della catena di approvvigionamento
Il progetto SCCOMPLEXITY (Understanding and defining supply chain complexity: A mixed method approach for basic and applied research) ha esaminato i modi in cui le catene di approvvigionamento gestiscono la complessità che le circonda, per ottenere costi più bassi, servizi migliori e un vantaggio competitivo sostenibile. Le catene di approvvigionamento sono reti di entità coinvolte nel flusso a monte e a valle di prodotti, servizi, finanze e informazioni tra una fonte e i clienti.

La gestione delle catene di approvvigionamento è diventata sempre più complessa. Questo è dovuto a cicli vitali dei prodotti più brevi, una maggiore varietà dei prodotti, livelli di personalizzazione ed esigenze dei clienti e il fatto che le entità della catena di approvvigionamento sono disperse dal punto di vista geografico.

Questo ha portato a un aumento del numero e della varietà di interazioni tra prodotti, processi e rapporti che costituiscono la catena di approvvigionamento e l’incertezza e i limiti che circondano questi elementi. Spesso vengono chiamati complessità della catena di approvvigionamento.

Un gruppo di ricercatori ha condotto una sintesi narrativa interdisciplinare e ha sviluppato un modello concettuale, teorico e di misurazione di tale complessità.

SCCOPMLEXITY ha identificato componenti della complessità della catena di approvvigionamento come fornitori, impianti di produzione, clienti e altre entità della catena di approvvigionamento. Ha identificato anche componenti della complessità del fornitore, che portano all’emergere di tre concetti: criticità del fornitore, affidabilità del fornitore e gestibilità del fornitore.

In più i risultati hanno suggerito che c’è un valore nella misurazione della complessità percepita del fornitore, nonostante l’affidabilità degli studi esistenti sulla complessità oggettiva. Per definizione, la complessità riguarda cambiamenti non lineari e imprevedibili del sistema. La complessità percepita può essere importante per il processo decisionale, perché può aiutare a rilevare elementi che potrebbero non essere necessariamente inclusi o inclusi accuratamente in modelli puramente oggettivi.

Diversi progetti di ricerca e collaborazioni tra diverse istituzioni hanno avuto inizio grazie a questo progetto. I risultati di questa ricerca aiuteranno anche le aziende a diventare più competitive, per mezzo di varie pubblicazioni sulla complessità del fornitore. Un’azienda pilota ha già tratto vantaggio da questa ricerca, riuscendo a identificare meglio i fornitori critici e ridurre il numero di lamentele dei clienti, grazie a una migliore comprensione della complessità.

Il progetto ha inoltre prodotto sei presentazioni, un testo per la pubblicazione è in fase di revisione e altri due sono in corso di elaborazione, mentre varie altre pubblicazioni sono già state realizzate.

Informazioni correlate

Argomenti

Scienze biologiche

Keywords

Catena di approvvigionamento, SCCOMPLEXITY, complessità del fornitore, complessità oggettiva
Numero di registrazione: 182916 / Ultimo aggiornamento: 2016-06-23
Dominio: Tecnologie industriali