Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La terapia fotodinamica nel trattamento del cancro

La scoperta di nuovi trattamenti anti-cancro efficaci è un’importante priorità dello Spazio europeo della ricerca. La terapia fotodinamica (PDT) è un approccio promettente per trattare il cancro utilizzando l’azione dell’ossigeno molecolare.
La terapia fotodinamica nel trattamento del cancro
I fotosensibilizzanti sono molecole che inducono una modifica chimica in un’altra molecola quando assorbono luce. Questa classe di composti è utilizzata nella PDT, un processo ben consolidato per il trattamento del cancro e di altre malattie. Il meccanismo della PDT inizia con la penetrazione del farmaco nella cellula cancerosa seguita da legame a una biomolecola, assorbimento di energia luminosa, ossidazione della biomolecola da parte dell’ossigeno reattivo e conseguente morte della cellula.

Il blu di metilene (MB) è un colorante a base di fenotiazina che ha mostrato risultati promettenti nel trattamento con PDT. Il legame non covalente di MB al DNA è stato analizzato sperimentalmente in passato. Il progetto PHOTOBLUE (Towards rational design of cancer therapeutic drugs: a first principles study of the photosensitization mechanism of methylene blue (Photoblue)), finanziato dall’UE, si è incentrato sull’analisi approfondita delle interazioni di MB con il DNA per favorire la progettazione razionale di farmaci per PDT.

Le molecole piccole e planari come MB si possono legare al DNA in quattro modi differenti. Grazie all’analisi per simulazione i ricercatori hanno identificato l’intercalazione come la modalità di legame più adatta.

Per un’efficace trasferimento dell’energia di eccitazione all’ossigeno (incrocio intersistema) e l’avvio del danno del DNA è necessaria un’adeguata distribuzione elettronica del fotosensibilizzante. Nella fase successiva del progetto è stata studiata la riorganizzazione degli elettroni di MB dopo l’assorbimento della luce. L’analisi per simulazione ha previsto che l’incrocio intersistema dell’MB intercalato nel DNA avrebbe dato risultati più positivi rispetto a quando il farmaco è in soluzione acquosa. Inoltre l’analisi ha evidenziato le possibilità di modifiche strutturali dell’MB per aumentare l’efficacia dell’incrocio intersistema.

Concludendo, le attività di PHOTOBLUE hanno contribuito a comprendere i meccanismi della PDT a livello molecolare. Questa conoscenza aiuterà nella progettazione di fotosensibilizzanti nuovi ed efficaci per il trattamento del cancro.

Informazioni correlate

Keywords

Terapia fotodinamica, cancro, fotosensibilizzante, blu di metilene, PHOTOBLUE, analisi per simulazione
Numero di registrazione: 183067 / Ultimo aggiornamento: 2016-07-26
Dominio: Biologia, Medicina