Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

ERC

LIMOD Risultato in breve

Project ID: 240809
Finanziato nell'ambito di: FP7-IDEAS-ERC
Paese: Irlanda

Il retaggio violento della Grande Guerra

Un progetto finanziato dall’UE ha studiato la fine della prima guerra mondiale - anche detta Grande Guerra - e i conflitti violenti che ne derivarono, distinguendosi dagli studi precedenti per la sua impostazione comparativa e transnazionale.
Il retaggio violento della Grande Guerra
La Grande Guerra si concluse effettivamente a novembre 1918? Il progetto LIMOD (The limits of demobilization, 1917-1923: Paramilitary violence in Europe and the wider world) si è proposto di rispondere a questa domanda, adottando una prospettiva che includeva l’Europa dell’est e il mondo più in generale. Gli studi sulla prima guerra mondiale sono di solito condotti in base a divisioni per identità nazionale e differenza etnica, privilegiando la Germania, la Francia e il Regno Unito nella letteratura in materia.

Il progetto ha cercato di contribuire alla ricostruzione di una storiografia globale delle conseguenze della Grande Guerra, che ancora manca, malgrado i recenti tentativi. Infatti, la prima guerra mondiale fu un fenomeno che transnazionale che lasciò un retaggio di temi comuni.

Nell’Europa dell’est, le conseguenze del periodo postbellico e i conflitti violenti, rivoluzioni e guerre civili scoppiati durante il periodo compreso tra il 1917 e i primi anni venti provocarono quattro milioni di morti. A questa violenta transizione dalla guerra alla pace contribuirono anche forti movimenti anticoloniali e risposte oppressive in tutto il mondo.

I ricercatori hanno studiato questi conflitti usando una metodologia empirica e comparativa. Hanno tentato di spiegare perché in alcuni stati ex combattenti la violenza continuò anche dopo il 1918, mentre in altri stati la transizione verso la pace fu un’esperienza più riuscita.

Nel progetto sono stati inclusi una serie di diversi casi di studio, tra cui la Polonia e l’Irlanda, gli Stati baltici, l’Impero ottomano, l’India e il Medio Oriente. I ricercatori affiliati hanno inoltre esaminato ex stati combattenti quali Austria, Cina, Giappone, America latina e Stati Uniti.

LIMOD ha elaborato un’immagine più completa dello stato delle società nel mondo durante il periodo postbellico, le ragioni per cui la violenza era tanto diffusa e il retaggio a lungo termine lasciato dalla Grande Guerra.

I principali risultati del progetto sono stati pubblicati in articoli sottoposti a revisione paritaria, monografie e due libri. Un’altra monografia è in attesa di pubblicazione.

Informazioni correlate

Keywords

Grande Guerra, prima guerra mondiale, conflitti violenti, transnazionale, LIMOD, postbellico
Numero di registrazione: 183101 / Ultimo aggiornamento: 2016-07-26
Dominio: Tecnologie industriali