Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

MOSQUITOBLOCK Risultato in breve

Project ID: 299374
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Regno Unito

In corso lo sviluppo di un vaccino anti zanzare

L’attuale crisi sanitaria legata al virus Zika ha dimostrato con grande chiarezza la minaccia che le zanzare costituiscono per l’uomo, poiché sono in grado di trasmettere alcune delle più gravi malattie al mondo. Anche se attualmente non esiste un vaccino anti zanzare sul mercato, il successo visto con i vaccini contro le zecche suggerisce che un tale risultato sia possibile.
In corso lo sviluppo di un vaccino anti zanzare
L’obbiettivo del progetto MOSQUITOBLOCK (Integrated biomolecular methods to control mosquito-borne diseases), finanziato dall’UE, era quello di sviluppare un metodo non chimico per controllare le zanzare, proteggendo in tal modo la catena alimentare, l’ambiente e gli insetti non nocivi.

Il lavoro ha avuto inizio con l’estrazione dei dati dalla letteratura scientifica. Questo ha permesso agli scienziati di identificare potenziali antigeni nelle zanzare che potessero essere classificati come antigeni “celati” per via della loro posizione nell’intestino e dell’introduzione in seguito a un pasto di sangue. L’operazione è stata effettuata per tre importanti specie di zanzare (Anopheles, Culex e Aedes) al fine di identificare il numero più ampio possibile di candidati.

Il potenziale gene candidato Trysin-1 è stato trovato nella zanzara Anopheles gambia e amplificato mediante il metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR), usando primer specifici per il gene. Un metodo alternativo è stato ideato per i candidati più grandi, e prevedeva la scansione del peptide codificato per la sequenza alla ricerca di regioni di alta antigenicità e la loro successiva amplificazione dal DNA genomico.

Una tecnica di touchdown PCR è stata usata per amplificare con successo gli esoni scelti provenienti da tutti i rimanenti antigeni di Anopheles candidati usando il DNA genomico. I frammenti provenienti da tutti questi candidati sono stati clonati in un vettore di espressione batterico con His-tag al fine di produrre proteine purificate per la verifica immunologica del loro potenziale antigenico.

Un approccio alla sintesi di geni è stato usato per i candidati identificati provenienti da zanzare Aedes e Culex al fine di ottenere sequenze geniche complete. I tre antigeni candidati sono stati inseriti con successo nel sistema di espressione batterico, ottimizzati per espressione proteica e proteine tradotte purificate usando la cromatografia di affinità con metallo.

La successiva fase di prova per un vaccino efficace, che non è potuta iniziare durante il progetto, comporterà l’uso di antigene purificato in un saggio EliSpot (Enzyme-linked immunospot). Questo determinerà la loro capacità di portare all’attivazione delle cellule T, confermando in tal modo la loro abilità di provocare una risposta all’antigene.

MOSQUITOBLOCK ha quindi identificato con successo diversi potenziali antigeni celati candidati provenienti dalle tre principali specie di zanzara riconosciute come vettori di malattia. Questi antigeni sono stati clonati in un sistema di espressione batterico che inserisce His-tag per facilitare la visualizzazione durante la purificazione.

Nel caso delle specie Aedes e Culex, i ricercatori sono riusciti a purificare tre antigeni per ognuna delle due. Questi sono adesso pronti per le prove di immunogenicità e antigenicità per determinare la loro capacità di portare alla produzione di antigeni e l’abilità di questi antigeni di influire sulla sopravvivenza delle zanzare.

Il progetto aiuterà la competitività europea promuovendo il settore della produzione dei vaccini attraverso lo sviluppo di un possibile vaccino anti zanzare, che combatterà una grave minaccia per l’umanità.

Informazioni correlate

Keywords

MOSQUTIOBLOCH, antigeni celati, Culex, Aedes, Trysin-1, Anopheles gambia, reazione catena polimerasi, primer specifici gene, DNA genomico, esoni, touchdown PCR, His-Tag, enzyme-linked immunospot assay, cellula T
Numero di registrazione: 183198 / Ultimo aggiornamento: 2016-08-16
Dominio: Ambiente