Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

ERC

ECHR Risultato in breve

Project ID: 240980
Finanziato nell'ambito di: FP7-IDEAS-ERC
Paese: Belgio

Approcci innovativi per migliorare la legge sui diritti umani in Europa

La Corte europea dei diritti dell’uomo è incaricata di applicare la giustizia procedurale nell’aggiudicazione dei diritti umani. Un’iniziativa dell’UE intendeva rafforzare ulteriormente la sua legittimità.
Approcci innovativi per migliorare la legge sui diritti umani in Europa
La corte di Strasburgo garantisce il rispetto dei diritti umani per circa 800 milioni di cittadini nei 47 stati membri del Consiglio d’Europa che hanno ratificato la convenzione europea sui diritti umani.

In questo contesto, il progetto ECHR (Strengthening the European Court of Human Rights: More accountability through better legal reasoning), finanziato dall’UE, si prefigge di rafforzare la coerenza e la capacità di persuasione dell’argomentazione giuridica della corte. In generale, l’obiettivo era di migliorare la sua responsabilità e trasparenza.

Per raggiungere i suoi obiettivi, il progetto ha analizzato aspetti di coerenza e trasparenza nelle decisioni della corte e ha fornito proposte concrete per migliorare la sua argomentazione giuridica in quattro campi principali.

I partner del progetto hanno studiato il campo di applicazione delle disposizioni in materia di diritti umani. Hanno esaminato come viene trattata la distinzione di minoranze culturali e religiose e delle donne. Ciò includeva uno studio sul divieto di indossare il velo in Belgio e in Francia, un’analisi del discorso per rivelare le tendenze antiminoranze nei giudizi, l’applicazione di concetti di giustizia procedurale al diritto delle minoranze, un’analisi critica del concetto di vulnerabilità nel ragionamento e lo sviluppo di un approccio di diritti umani agli stereotipi.

I ricercatori hanno anche affrontato il ragionamento proporzionale trasparente da varie prospettive. Il primo era un’analisi dell’utilizzo della corte della dottrina del margine di apprezzamento, seguito da approcci minimo-massimo alla protezione dei diritti umani. Il terzo era l’importanza delle scoperte della psicologia sociale per la giustizia procedurale della corte di Strasburgo. L’ultimo riguardava il ragionamento della corte sugli obblighi statali positivi, portando a un approccio coerente di ragionamento proporzionale sia per gli obblighi negativi che per quelli positivi.

I risultati del progetto hanno prodotto vari libri e tesi di dottorato, e sono stati presentati durante seminari di esperti e una conferenza dedicata.

ECHR ha identificato nuove soluzioni per importanti problemi di diritti umani e introdotto varie innovazioni nel campo della normativa europea sui diritti umani. Il lavoro rafforzerà la capacità della corte come istituzione di livello mondiale per garantire i diritti dell’uomo.

Informazioni correlate

Keywords

Legge sui diritti umani, Corte europea dei diritti dell’uomo, Corte EDU, responsabilità, argomentazione giuridica
Numero di registrazione: 188344 / Ultimo aggiornamento: 2016-08-22
Dominio: Tecnologie industriali