Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

ChroDIGI Risultato in breve

Riferimento del progetto: 294035
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Francia

L’importanza della stabilità genomica

Una fedele replicazione di materiale genetico è essenziale per lo sviluppo e il mantenimento della salute. L’integrità del genoma implica non solo una riproduzione organizzata accuratamente del DNA, ma anche la cromatina, la sua struttura di impaccamento delle proteine.
L’importanza della stabilità genomica
Recentemente, le ricerche hanno sottolineato l’importanza dell’organizzazione della cromatina del DNA che opera insieme a vie di riparazione per mantenere la stabilità genomica. Due processi si stagliano come davvero importanti: la via di riparazione dei danni del DNA e un’accurata replicazione cromosomica.

Il progetto CHRODIGI (Chromatin dynamics in genome integrity) ha lavorato sull’identificazione di molecole alla base dell’integrazione di cromatina nella rete di stabilità genomica. Gli scienziati hanno anche identificato interconnessioni tra regolatori della cromatina e fattori di stabilità del genoma.

Mediante il lievito che si riproduce per gemmazione, i ricercatori hanno osservato due fattori di cromatina conservatisi lungo tutta l’evoluzione: l’enzima INO80 e la variante di istone H2A.Z. Queste proteine sono state entrambe legate per mantenere la stabilità del genoma, ma non è chiaro come ne proteggano l’integrità.

I risultati hanno dimostrato che, in corrispondenza di una rottura di doppio filamento di DNA, il reclutamento di regolatori di cromatina come INO80 è regolato dalla posizione del ciclo cellulare. Risulta particolarmente importante che il reclutamento coincida con livelli ridotti di fosforilazione di H2A.X. H2A.X è una variante di H2A.Z ed è attiva nella riparazione di DNA da parte di giunzione delle estremità non omologa. Questo lavoro, che sfida una teoria centrale sulle modalità con cui la cromatina si integra nella risposta del danno del DNA, è stato pubblicato su Nature Reviews Genetics.

Il team CHRODIGI ha trovato un collegamento tra INO80 e la rete di degradazione di proteine nucleari. I risultati suggeriscono che il rimodellamento di nucleosoma mediato da INO80 tramite disaggregazione della RNA polimerasi II (RNAPII) è necessario per la crescita della cellula durante uno stress genotossico.

Si tratta del primo studio che lega la regolazione della cromatina al turnover di nucleoproteine. I ricercatori del progetto ora pensano di indagare sull’interconnessione fisica e funzionale tra cromatina e rete di degradazione delle proteine durante il metabolismo del DNA.

La stabilità del cromosoma è di valenza cruciale nella divisione e nella propagazione delle cellule. Un numero anomalo di cromosomi durante una separazione di cellule non bilanciate in corrispondenza della divisione cellulare viene associato con quasi tutte le forme oncologiche di tumori solidi. L’identificazione di fattori chiave coinvolti nella stabilità genetica si prospetta in grado di rivelare meccanismi che evitano lo sviluppo di malattie.

Informazioni correlate

Keywords

Stabilità genomica, DNA, cromatina, INO80, H2A.Z, tumore solido
Numero di registrazione: 188393 / Ultimo aggiornamento: 2016-08-30
Dominio: Biologia, Medicina