Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

ERC

OPTISTIM — Risultato in breve

Project ID: 211055
Finanziato nell'ambito di: FP7-IDEAS-ERC
Paese: Israele

La cecità trattata con la luce

Nuove ricerche hanno dimostrato che la stimolazione non invasiva della retina con pattern di luce può combattere la cecità degenerativa attivando i singoli gangli sia in vitro che in vivo.
La cecità trattata con la luce
Un approccio promettente per trattare la cecità causata da degenerazione della retina esterna è attivando direttamente i gangli esterni. I trattamenti attuali utilizzano elettrodi invasivi, ma i sistemi che utilizzano pattern luminosi sono promettenti come alternative non invasive.

L’iniziativa OPTISTIM (Patterned optical activation of retinal ganglion cells), finanziata dall’UE, mirava a sviluppare un nuovo approccio per ripristinare la vista di chi soffre di malattie degenerative della retina esterna. I ricercatori hanno iniziato a eseguire una serie di esperimenti in vitro e in vivo per determinare la sicurezza e l’efficacia di questo approccio.

Il gruppo di ricerca OPTISTIM voleva scoprire i problemi ingegneristici collegati all’utilizzo della luce per il ripristino della capacità visiva. A tal fine hanno sviluppato nuovi tipi di proiettori che possono eseguire stimolazione rapida con pattern luminosi.

I membri del team hanno sviluppato anche altri strumenti per rappresentare e stimolare la retina in vivo a livello cellulare. Il progetto ha poi dimostrato che questa tecnologia può attivare i singoli gangli della retina sia in vitro che in vivo.

Il gruppo OPTISTIM ha pubblicato risultati promettenti dimostrando che il suo approccio non invasivo è realizzabile. Sul lungo termine questa ricerca contribuirà a trattamenti non invasivi per la degenerazione retinica.

Informazioni correlate

Keywords

Stimolazione con pattern luminosi, retina, cecità degenerativa, gangli, non invasivo, OPTISTIM