Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

ERC

EATINGBODIES — Risultato in breve

Project ID: 249397
Finanziato nell'ambito di: FP7-IDEAS-ERC
Paese: Paesi Bassi

Siamo ciò che mangiamo: uno studio approfondito sull’alimentazione

Che cosa significa mangiare per gli esseri umani? Un’iniziativa dell’UE ha esplorato l’alimentazione in varie situazioni ambientate nell’Europa occidentale.
Siamo ciò che mangiamo: uno studio approfondito sull’alimentazione
Il progetto EATINGBODIES (The eating body in Western practice and theory), finanziato dall’UE, ha studiato il modo in cui l’alimentazione viene plasmata dalle diverse prassi e teorie dell’Europa occidentale.

Il team ha iniziato il lavoro eseguendo una mappatura delle pubblicazioni esistenti in materia e integrando le conoscenze su ciò che costituisce l’“alimentazione”. Le attività si sono concentrate su quattro temi: la salute del corpo che si alimenta, nel controllo dell’apporto calorico, raggiungendo la massima soddisfazione possibile; la sensibilità gustativa del corpo che si alimenta nelle diverse prassi; il corpo che si alimenta e gli altri commensali e il corpo che si alimenta e l’ambiente circostante in relazione all’assorbimento del cibo, all’espulsione dei rifiuti e ai diversi limiti corporei. Il lavoro svolto ha permesso di definire un’antropologia del corpo che si alimenta nelle prassi occidentali.

Una quinta area riguardava il mangiante considerato a livello teorico. I partner del progetto hanno scoperto che, benché l’atto di alimentarsi sia universale, esso risulta palesemente assente nella filosofia occidentale, con implicazioni per le scienze sociali, nelle quali è presente un attore modellato sul corpo neuromuscolare, che vede, sente, si muove e manipola, ma non mangia.

Utilizzando i risultati ottenuti dagli studi empirici sul corpo che si alimenta, il team EATINGBODIES ha modellato l’attore sul mangiante, scoprendo che chi mangia non è un osservatore distante, ma è impegnato nell’ambiente che lo circonda. I mangianti non sono giudici imparziali, ma valutano il cibo mentre lo mangiano.

La ricerca ha esaminato le prassi di assistenza dell’obesità, i luoghi dove si consumano gli alimenti quotidianamente, le azioni contro lo spreco di cibo e le metodologie di trattamento che insegnano nuovamente la deglutizione alle persone che hanno subito danni cerebrali o che soffrono di costipazione. Ha studiato inoltre i problemi legati alla fame nel mondo, i vantaggi e gli svantaggi del consumo alimentare di insetti e l’impatto ecologico della coltivazione intensiva.

I vari documenti pubblicati sono dedicati al coinvolgimento in queste prassi di vari attori chiave, tra cui i soggetti che mangiano e le creature che vengono allevate o coltivate per il consumo alimentare umano.

Il lavoro svolto da EATINGBODIES ha fornito un importante contributo allo studio avanzato dell’atto di alimentarsi in diversi contesti dell’Europa occidentale.

Informazioni correlate

Keywords

Alimentazione, EATINGBODIES, corpo che si alimenta