Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

SMART FIRE BARRIER Risultato in breve

Project ID: 684102
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.2.3.1.
H2020-EU.3.5.
Paese: Spagna

Una nuova tecnologia antincendio consente a tutti gli utenti finali di contribuire

L’estinzione degli incendi boschivi richiede un bilancio annuale di 2,235 milioni di euro dai governi europei e dagli enti pubblici. Questo copre la maggior parte degli sforzi europei, mentre il resto del mercato è occupato da una miriade di piccoli proprietari immobiliari e aziende private che possiedono beni che spesso non sono in grado di proteggere in modo efficiente. Una PMI spagnola sta sviluppando una Smart Fire Barrier che permetterà a tutti questi soggetti di migliorare le loro capacità.
Una nuova tecnologia antincendio consente a tutti gli utenti finali di contribuire
Gli incendi boschivi sono diventati comuni. Ogni anno circa in estate, il gruppo di paesi composto da Spagna, Portogallo, Francia, Grecia e Italia vede andare in fumo circa 500 000 ettari delle sue foreste. Questo è causato in particolare dallo spopolamento rurale, dato che le attività che in precedenza mantenevano gli incendi boschivi sotto controllo stanno diventando sempre più una cosa del passato, e sta accelerando il cambiamento climatico. In effetti, gli incendi locali con cui avevano a che fare i nostri antenati ora si stanno trasformando sempre di più in “mega-incendi”.

Lo spiraglio nell’armatura delle nostre foreste risiede in “zone di interfaccia urbano-foresta” (WUI), che sono in rapida espansione. “Queste aree sono fondamentali in questo processo, in quanto richiedono una particolare attenzione dalle forze di emergenza e sono un tipico fulcro di innesco di incendio. Le WUI spesso non sono dotate delle contromisure di prevenzione degli incendi necessarie, a causa del loro costo e delle loro esigenze di esecuzione in termini di occupazione del suolo, rimozione della vegetazione e infrastrutture”, spiega Joaquín Catalá Lloret, CTO dell’azienda spagnola Pyro Fire Extinction.

Da quando è stata fondata nel 2011, Pyro Fire Extinction ha contribuito alla tutela e alla conservazione delle foreste attraverso la progettazione, la creazione e la produzione di soluzioni innovative per il controllo e l’estinzione degli incendi boschivi. Nel 2014, il know-how della società le ha assicurato un posto nel progetto AF3 finanziato dal 7º PQ per sviluppare tecnologie che potrebbero migliorare l’efficienza delle operazioni antincendio. Un anno dopo, la società ha ricevuto il finanziamento di H2020 per il progetto SMART FIRE BARRIER (Innovative Forest Fires Prevention Infrastructure for Residential Areas, Forestry and Critical Infrastructures).

SMART FIRE BARRIER ruota intorno alla Pyro Smart Fire Barrier, un nuovo strumento di prevenzione. Composto da capsule Nub-e per estintori sviluppate nell’ambito di AF3, il sistema è in grado di spegnere da solo gli incendi nascenti e può essere utilizzato in un tagliafuoco mobile per supportare l’azione di vigili del fuoco e volontari.

“Le capsule Nub-e sono facili da trasportare e da installare sul campo, e una volta posizionate rimangono operative per mesi”, afferma Catalá. “La tecnologia si basa puramente sull’aumento di temperatura generato dal fuoco, senza l’uso di esplosivi o dell’elettronica. Essa consente di fornire un prodotto sicuro, affidabile e facile da usare, riducendo la necessità di manutenzione. Una volta attivata, ogni capsula spruzza il contenuto sopra la vegetazione, proteggendo l’area definita e impedendole bruciare”. Non è necessario rimuovere la vegetazione né modificare il paesaggio: la Smart Fire Barrier è modulare. Si adatta alle infrastrutture esistenti e alla configurazione del terreno al fine di fornire una soluzione conveniente per i piccoli proprietari immobiliari.

Da città intelligenti a un paesaggio intelligente

Nel corso dei prossimi cinque anni, Pyro Fire Extinction vuole che il suo sistema irrompa sul mercato, affinché per tutti sia possibile contribuire alla lotta contro gli incendi boschivi. “Siamo consapevoli del fatto che non possiamo essere abitanti di Città intelligenti essendo estranei al di fuori di esse; quindi, proponiamo di collegare le nostre città al loro ambiente, creando il paesaggio intelligente”, sostiene Catalá.

Il primo passo per soddisfare questa ambizione è stato quello di condurre uno studio di fattibilità in fase 1 dello strumento per le PMI. Grazie al finanziamento dell’UE, la società è stata in grado di progettare un’efficace strategia di segmentazione del mercato e una strategia di marketing diretta sia ai professionisti che agli inesperti. “Come azienda, la fase 1 ci ha permesso di riflettere su come affrontare con successo i segmenti di clientela di destinazione nel corso del tempo, in un modo che sia compatibile con la strategia di crescita dell’azienda”, dice Catalá.

“Abbiamo anche condotto attività di prospezione del mercato con i vigili del fuoco, i vicini, i dirigenti della pubblica amministrazione, ecc. al fine di studiare i casi diversi e di comprendere chiaramente quali sono le situazioni in cui l’introduzione della nostra Smart Fire Barrier può fare la differenza. Inoltre, dopo aver effettuato lo studio di fattibilità, abbiamo protetto la nostra tecnologia per mezzo di una domanda di brevetto, e abbiamo pubblicato diversi articoli in media scientifici, al fine di far conoscere agli altri il nostro approccio e i risultati sperimentali”.

Passi successivi

Anche la convalida della tecnologia con gli utenti finali è a buon punto. “Per noi, questa è stata una priorità in ogni fase della PYRO Smart Fire Barrier: abbiamo convalidato ampiamente la nostra tecnologia con gli utenti finali e gli istituti di ricerca indipendenti, il che ci aiuta a definire il miglior prodotto, e abbiamo assunto un numero rilevante di esperti riconosciuti per la prescrizione della Pyro Smart Fire Barrier nel settore”, dichiara Catalá. La maggior parte di questo processo ha avuto luogo nell’ambito di AF3 con il sostegno delle agenzie pubbliche coinvolte nel progetto. “AF3 ha reso possibile per noi il raggiungimento di traguardi tecnologici in un brevissimo periodo di tempo, e di avere un prodotto adatto alle loro aspettative. Tuttavia, questo progetto si basa solo sulla dimostrazione tecnologica, e abbiamo bisogno di superare questa fase, al fine di portare il nostro prodotto sul mercato”.

È qui che la fase 2 del finanziamento degli strumenti per le PMI sarà cruciale. Catalá e il suo team si aspettano che questa nuova fase permetterà loro di convertire la tecnologia in un prodotto tangibile e commerciabile, nonché di rafforzare il team con profili aziendali.

“Il nostro obiettivo principale della fase 2 degli strumenti per PMI è quello di eseguire il test pilota di Smart Fire Barrier con gli specialisti degli utenti finali in modo da ottenere casi di successo visibile. Questi casi consentiranno di dimostrare ai nostri clienti che ciò che offriamo aumenterà in modo significativo il loro livello di sicurezza e non solo: avranno la possibilità di contribuire a salvaguardare l’ambiente. Un altro obiettivo della fase 2 è il raggiungimento di un’adeguata certificazione di prodotto da parte delle istituzioni indipendenti: ciò aiuterà a commercializzare il prodotto a livello internazionale”, afferma Catalá con entusiasmo.

Keywords

Incendi boschivi, SMART FIRE BARRIER, foreste, Pyro Fire Extinction
Numero di registrazione: 188569 / Ultimo aggiornamento: 2016-09-16
Dominio: Ambiente