Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

FORGER — Risultato in breve

Project ID: 289119
Finanziato nell'ambito di: FP7-KBBE
Paese: Paesi Bassi

Verso una migliore gestione delle risorse genetiche forestali

Un progetto finanziato dall’UE ha studiato l’impatto dei cambiamenti nelle “Risorse genetiche forestali” (FGR) in tutta Europa. Il risultato è un quadro di linee guida e resoconti politici che dovrebbero aiutare le parti interessate e i responsabili politici ad adottare strategie di gestione delle FGR adatte a resistere al cambiamento climatico.
Verso una migliore gestione delle risorse genetiche forestali
Il ruolo delle foreste nella lotta contro il cambiamento climatico non ha bisogno di ulteriori prove. Ma, anche se piantare un albero è davvero una soluzione per la rimozione di CO2 dall’atmosfera, afferrare il primo seme a portata di mano non necessariamente serve allo scopo. Ogni albero ha le proprie variazioni genetiche, e questa diversità è precisamente ciò che permette alle foreste di adattarsi ai cambiamenti climatici.

La buona notizia è che i progetti di ricerca europei hanno già raccolto informazioni preziose sulle FGR negli ultimi decenni. La cattiva notizia è che la loro distribuzione attuale non è ben documentata, e questa mancanza di informazioni impedisce lo sviluppo di strategie di gestione informate da parte di gestori forestali e politici.

È qui che entra in gioco il progetto FORGER (Towards the Sustainable Management of Forest Genetic Resources in Europe). “Attualmente vi è poca o nessuna gestione delle FGR delle foreste europee”, afferma il dottor Koen Kramer di Alterra, che ha coordinato il progetto. “Ciò è deplorevole perché le FGR sono alla base dell’adattamento delle foreste ai cambiamenti ambientali, causati da processi naturali (evoluzione) e/o dalla selezione artificiale. Le FGR sono essenziali per la riproduzione delle piante e la migrazione assistita, che è il motivo per cui abbiamo voluto capire meglio il loro passato, presente e futuro”.

Completato nel mese di febbraio 2016, FORGER fornisce linee guida e resoconti politici per aiutare le parti interessate ad avvicinarsi a strategie di gestione efficaci.

Raccolta di semi e selezione di materiali di moltiplicazione

La raccolta di semi è il primo argomento affrontato dal progetto, poiché sottolinea che il metodo impiegato per la raccolta dei semi incide significativamente sulla loro qualità genetica. “Una raccolta di semi geneticamente sostenibile dovrebbe ottimizzare la diversità genetica nei semi ottenuti e minimizzare le differenze genetiche tra la raccolta del seme e il collocamento del seme”, si legge nel documento delle linee guida dedicato. Il livello di diversità deve essere equilibrato, in modo da garantire che la foresta sia in grado di far fronte al cambiamento climatico, evitando i costi altissimi associati alla raccolta di tutti i semi disponibili.

Le linee guida dedicate includono i risultati delle ricerche con le raccomandazioni globali e specifiche delle specie. Tra queste vi è il fatto che non meno di 15 alberi devono essere campionati, a condizione che i campioni di semi per pianta siano grandi e che le specie siano caratterizzate da accoppiamenti casuali. Dovrebbe anche essere evitata la raccolta di semi da alberi direttamente confinanti .

Insieme ai metodi di raccolta del seme giunge la questione di quali “materiali forestali di moltiplicazione” (FRM) dovrebbero essere favoriti per massimizzare le possibilità di sopravvivenza di fronte ai cambiamenti climatici. Il progetto prevede ulteriori raccomandazioni in base alla natura di questo cambiamento, che varia da una regione all’altra. Abbatte il pregiudizio che la provenienza locale sia necessariamente migliore, e sottolinea l’importanza della stabilità fenotipica.

Delineare le politiche future

Un altro contributo fondamentale del progetto, strettamente legato a quelli di cui sopra, è una breve politica sulle origini delle FRM. Poiché i dati sono attualmente molto sparpagliati e la legislazione UE non è riuscita a portare a valutazioni, al monitoraggio o alla guida, FORGER contribuisce esaminando sette specie di alberi e valutando il loro volume di movimento (302 milioni di piante dal 2004 al 2014), la loro direzione e la loro distanza. “I risultati generati da FORGER indicano chiaramente la necessità di rafforzare l’applicazione delle norme esistenti e di armonizzare i dati sul trasferimento delle FRM in tutti gli Stati membri dell’UE”, afferma il dottor Kramer.

Per quanto riguarda il cambiamento climatico, il progetto offre suggerimenti per i responsabili delle politiche sulla base di studi di settore e di modellazione: il team sottolinea l’importanza di prestazione stabili su diverse condizioni ambientali, sottolinea il ruolo della migrazione assistita per sostenere foreste sane e produttive, e si pronuncia a favore della creazione di nuovi test di provenienza.

Tra le osservazioni più interessanti vi è il fatto che il cambiamento climatico potrebbe correre più veloce degli adattamenti genetici nelle specie monitorate, e che – mentre un “approccio privo di gestione” spesso si tradurrà in una maggiore diversità – la gestione attiva aumenta le possibilità di adattamento.

“Le FGR sono fondamentali per ottenere foreste adattate al clima futuro. Attualmente viene posta troppa enfasi sul cambiamento delle specie per adattarsi al clima futuro. Ciò disturberà fortemente l’ecosistema boschivo e la gestione delle foreste, creando grandi incertezze. Si possono ottenere notevoli risultati mediante i cambiamenti nelle provenienze durante l’utilizzo delle stesse specie”, osserva il dott. Kramer.

Nel suo terzo e ultimo resoconto politico, FORGER analizza l’impatto della conservazione in situ ed ex situ delle risorse genetiche. Utilizzando i database sviluppati nell’ambito dei progetti EUFGIS ed EVOLTREE, il team ha scoperto che alcune misure di diversità genetica erano disponibili all’interno delle unità di conservazione genetica. Esso ha individuato le lacune di conservazione – luoghi in cui le specie esaminate si sviluppano in condizioni climatiche distinte da quelle trovate all’interno delle unità di conservazione genetica – e ha concluso che i marcatori genetici disponibili per caratterizzare la diversità genetica delle specie arboree non erano associati alle loro proprietà di adattamento.

I risultati del progetto stanno già generando interesse in tutta Europa. “Le linee guida sono state tradotte in ungherese, e saranno tradotte almeno in tedesco e francese, e forse in italiano. Sono stati inoltre organizzati laboratori per diffondere i risultati in diversi paesi partner”, afferma il dott. Kramer.

Informazioni correlate

Keywords

Risorse genetiche delle foreste, foreste, cambiamento climatico, FORGER