Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

MHEPS Risultato in breve

Project ID: 301060
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Slovacchia

Il dietro le quinte delle discussioni online sugli articoli di giornale

Uno studio condotto in Slovacchia ha esaminato il lavoro dei giornalisti che promuovono le discussioni online sui propri articoli. I risultati di questa ricerca sostengono una progettazione democratica di spazi di discussione online da parte delle agenzie di stampa.
Il dietro le quinte delle discussioni online sugli articoli di giornale
I dibattiti online e sui social network rappresentano un’arma a doppio taglio nell’ambito della promozione di forme di giornalismo partecipative. Se, da un lato, infatti, questi strumenti riflettono lo sviluppo di uno spazio web sempre più democratico e votato alla partecipazione, dall’altro, alimentano l’inciviltà, favoriscono la diffusione di teorie complottistiche e contribuiscono potenzialmente alla manipolazione intenzionale in rete.

Grazie alla presenza di un sistema mediatico post-comunista in continua trasformazione e di una forte domanda pubblica in termini di giornalismo partecipativo, la Slovacchia rappresenta un terreno fertile per lo studio di tale fenomeno. Partendo da queste considerazioni, il progetto MHEPS (Media-hosted eParticipation in Slovakia), finanziato dall’UE, ha analizzato le strategie di ePartecipazione attuate da due influenti quotidiani slovacchi. A tal fine, sono stati esaminati i metodi di conduzione, moderazione e monitoraggio delle discussioni online adottati dai giornalisti che hanno fatto emergere le caratteristiche del giornalismo partecipativo nelle varie redazioni.

Un attento studio delle consuetudini lavorative degli amministratori delle discussioni online e dei giornalisti che moderano i dibattiti relativi ai propri articoli ha spinto i ricercatori a porsi una serie di domande sull’argomento, come ad esempio: Quando e in quali contesti le aziende che operano nel settore dei media dovrebbero autorizzare le discussioni? È possibile curare gli aspetti qualitativi di una discussione online? Come dovrebbero comportarsi i giornalisti di fronte ai commenti degli utenti? Ignorarli, leggerli o fornire una risposta?

Il gruppo di lavoro ha osservato che le pratiche argomentative adottate durante le discussioni online sono spesso causa di conflitti, dispute e controversie. Gli effetti di tali strumenti dipendono dal modo in cui le agenzie di stampa sono solite gestire il dialogo con un pubblico il più delle volte critico. È pertanto essenziale definire gli obiettivi relativi alle discussioni online sulla base dei punti di forza e delle debolezze di queste occasioni di confronto.

In alcuni paesi, tra cui anche la Slovacchia, i ricercatori hanno scoperto che le autorità tendono spesso a limitare le argomentazioni adducendo come motivazione interessi nazionali, minacce alla sicurezza e altre circostanze critiche e sostenendo che al giorno d’oggi la non partecipazione rappresenta una minaccia alla democrazia ben più pericolosa rispetto a una partecipazione eccessiva. Il gruppo di lavoro ha quindi proposto una ridefinizione del ruolo partecipativo delle aziende che operano nel settore dei media e dei giornalisti incentrata sulla promozione di pratiche argomentative che aiutano i partecipanti a trarre conclusioni e a valutare il grado di resistenza delle argomentazioni alle critiche.

I ricercatori hanno inoltre chiesto ai sociologi coinvolti nell’iniziativa di mantenere un comportamento neutrale relativamente all’individuazione di discussioni ottimali in scenari di democrazia o di traiettorie argomentative utili ai fini della gestione di problemi pubblici. I risultati relativi al fenomeno della ePartecipazione, che dovrebbero favorire un nuovo filone di ricerca nel settore sociolinguistico, potrebbero dar vita a un ecosistema mediatico e a una democrazia decisamente più “sani”.

Informazioni correlate

Keywords

Giornalismo, discussioni online, ePartecipazione, democrazia, giornalismo partecipativo, MHEPS, aziende operanti nel settore dei media
Numero di registrazione: 188792 / Ultimo aggiornamento: 2016-11-03
Dominio: Tecnologie industriali