Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

EPICE — Risultato in breve

Project ID: 259882
Finanziato nell'ambito di: FP7-HEALTH
Paese: Francia

Verso migliori cure perinatali per i neonati molto prematuri

Circa l’1,5 % delle nascite totali avviene prima di 32 settimane di età gestazionale. Un’applicazione più generale delle cure basate sull’evidenza in tutta Europa garantirà il miglior outcome per questi neonati molto prematuri.
Verso migliori cure perinatali per i neonati molto prematuri
Malgrado importanti progressi medici negli ultimi decenni i neonati molto prematuri hanno un rischio elevato di mortalità e deficit del neurosviluppo. Ma i tassi di mortalità variano di oltre il doppio a seconda delle regioni geografiche, indicando una disuguaglianza nelle cure perinatali.

L’obiettivo del progetto EPICE (Effective perinatal intensive care in Europe: Translating knowledge into evidence based practice), finanziato dall’UE, era migliorare la sopravvivenza e lo sviluppo dei neonati prematuri facendo in modo che le prove scientifiche vengano tradotte in offerta di servizi. A tal fine il consorzio ha svolto studi in 19 regioni di 11 paesi su 850 000 nascite annuali per valutare l’uso e l’impatto di interventi basati sull’evidenza per i neonati molto prematuri.

I ricercatori hanno raccolto dati demografici e clinici da oltre 10 000 neonati molto prematuri con dati di follow-up sulla loro salute e il loro sviluppo a due anni. Le informazioni su politiche e pratiche associate ai neonati molto prematuri sono state raccolte da 134 reparti neonatali e 123 reparti di maternità.

Il consorzio ha scoperto un’assenza di protocolli e linee guide standardizzati per molte pratiche a livello nazionale, regionale e di reparto. Inoltre molte pratiche consolidate basate sull’evidenza erano sottoutilizzate, inclusi parti in reparti maternità con assistenza neonatale specialistica sul posto e interventi noti per aumentare la sopravvivenza come l’impiego di corticosteroidi prenatali e la prevenzione dell’ipotermia. Dal momento che l’uso complessivo di queste pratiche era associato a minori mortalità e morbilità, ci si aspettava che un miglior orientamento dei medici aumentasse l’osservanza delle migliori pratiche.

Le scoperte del progetto sono state diffuse ai soggetti coinvolti regionalmente attraverso conferenze e workshop internazionali. Diffondendo strategie e interventi per migliorare le cure perinatali i partner auspicano un miglioramento generale nell’outcome sanitario di questa popolazione ad alto rischio. Il network EPICE mira al proseguimento della diffusione di conoscenze mediche basate sull’evidenza in varie regioni europee e alla fornitura della migliore assistenza sanitaria.

Informazioni correlate

Keywords

Cure perinatali, neonati prematuri, deficit del neurosviluppo, reparto neonatale