Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

PMINMCI Risultato in breve

Project ID: 623230
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Regno Unito

Una diagnosi e un intervento precoci per la demenza

Uno studio innovativo sulla memoria prospettica in adulti anziani a rischio di contrarre il morbo di Alzheimer può essere utile a fini della precocità della diagnosi e dell’intervento.
Una diagnosi e un intervento precoci per la demenza
La popolazione europea sta invecchiando a ritmo sostenuto. Pertanto, si impone l’urgenza di aiutare tale popolazione a vivere una vita autonoma e preservare il proprio stato di benessere man mano che invecchia. Una capacità di vitale importanza da preservare consiste nella memoria prospettica, che si riferisce alla capacità di ricordare di fare cose in futuro, ad esempio assumere un farmaco o pagare in tempo le bollette. Benché questa capacità sia di importanza vitale per provvedere in modo autonomo alla funzioni della vita quotidiana, le è stata dedicata un’attenzione molto inferiore rispetto alla memoria retrospettiva relativa agli eventi passati (ad es. la capacità di ricordare il nome di qualcuno o cosa si è fatto il giorno prima).

Il progetto PMINMCI (Prospective Memory in Mild Cognitive Impairment), finanziato dall’UE, ha condotto la prima indagine sistematica sulla memoria prospettica negli adulti anziani a maggior rischio di contrarre la demenza. Si è concentrato sull’identificazione di individui in fase di transizione tra il normale invecchiamento e l’Alzheimer, dando riconoscimento ai problemi di memoria da loro riscontrati nella vita quotidiana e offrendo un intervento psicologico precoce per ridurre l’ansia inerente alla memoria.

Per declino cognitivo lieve (MCI) si intende una condizione al limite tra il normale invecchiamento e la demenza. Le persone con MCI amnestico presentano un rischio molto maggiore di progressione verso la demenza di tipo Alzheimer rispetto a quanto previsto nelle persone di età corrispondente, che affrontano un normale invecchiamento.

Nel primo studio, PMinMCI ha testato 46 partecipanti MCI e 48 adulti anziani sani appartenenti alla stessa fascia di età. Sono state svolte due sessioni, di due ore ciascuna. È stata valutata la memoria prospettica e sono stati somministrati test standardizzati. Nella seconda parte dello studio, i partecipanti hanno tenuto per una settimana un diario giornaliero su cui hanno registrato i loro episodi quotidiani di deficit mnesico. Ogni partecipante ha ricevuto due telefonate al giorno in cui veniva loro ricordato di tenere il diario.

In un secondo studio, consistente in una sessione di due ore per ogni soggetto, si è proceduto a testare venticinque persone affette da MCI e 25 adulti sani di pari età. A ciascun partecipante è stato assegnato un compito monotono di vigilanza, che consentisse di cogliere memorie involontarie. Ai partecipanti è stato chiesto di fornire una breve descrizione dei loro pensieri spontanei durante il compito di vigilanza e, quindi, di classificare i pensieri come memoria involontaria, pensiero su evento futuro o situazione attuale.

Dagli esiti emerge che i partecipanti affetti da MCI hanno ottenuto risultati molto peggiori rispetto agli adulti sani in termini di compiti inerenti alla memoria prospettica, in particolare su compiti relativamente semplici, basati sul recupero spontaneo di intenzione. Inoltre, le persone affette da MCI hanno presentato un numero minore di memorie involontarie che fossero anche basate su processi di recupero spontaneo (automatico). I soggetti MCI hanno registrato sul diario un numero maggiore di episodi di deficit mnesico, scoprendo anche come tenere un diario giornaliero di tali episodi risultasse loro utile per comprendere più a fondo l’andamento della loro memoria quotidiana.

Lo studio PMinMCI sulla memoria prospettica si può adattare per l’uso in ambienti clinici e si può integrare in una procedura diagnostica standard per la valutazione del declino cognitivo negli adulti anziani. Inoltre, il mantenimento di un diario delle pecche inerenti la memoria può determinare effetti positivi, riducendo i motivi di ansia e le preoccupazioni sul funzionamento della memoria.

Informazioni correlate

Keywords

Demenza, memoria prospettica, adulti anziani, Alzheimer, PMINMCI, declino cognitivo lieve
Numero di registrazione: 190567 / Ultimo aggiornamento: 2016-11-18
Dominio: Biologia, Medicina