Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

ENERGY CHALLENGES 12 Risultato in breve

Project ID: 326429
Finanziato nell'ambito di: FP7-EURATOM-FISSION
Paese: Svizzera

Il futuro dell’energia verde

Una conferenza finanziata dall’UE si è impegnata a discutere le conseguenze dell’incidente di Fukushima per il futuro dell’energia a base emissioni di carbonio, inclusa l’energia nucleare, in Europa. Il lavoro ha previsto l’organizzazione e la gestione di un’importante conferenza nel 2012, che ha organizzato ulteriori conferenze e ha prodotto raccomandazioni per future opzioni a basse emissioni di carbonio.
Il futuro dell’energia verde
L’energia nucleare, rappresentando circa un terzo della capacità totale, è una delle principali fonti di elettricità a basse emissioni di carbonio dell’Europa. Eppure, lo tsunami e l’incidente nucleare di Fukushima in Giappone nel 2011 hanno turbato profondamente la fiducia europea nell’industria nucleare.

Il progetto ENERGY CHALLENGES 12 (Tomorrow’s energy challenges 2012), finanziato dall’UE, ha organizzato una conferenza con lo stesso titolo del progetto. La conferenza ha affrontato le questioni chiave ed è servita da forum per discutere le opzioni nucleari e non nucleari, e la fattibilità di combinare entrambe.

Circa 800 partecipanti – tra cui politici, responsabili del processo decisionale e ricercatori – hanno partecipato all’evento del settembre 2012. L’incontro ha incluso delle presentazioni formali di esperti e discussioni informali riguardanti numerosi argomenti chiave qui specificati. Quali fattori limitano l’integrazione dell’energia nucleare nelle forniture non costanti di energia rinnovabile? Quali sarebbero gli effetti economici e relativi ai gas a effetto serra sul sistema energetico dell’estensione delle licenze d’esercizio nucleare? Quali sarebbero i costi macroeconomici dell’eliminazione graduale dell’energia nucleare? Una tale eliminazione graduale renderebbe l’Europa dipendente da paesi instabili produttori di carburanti fossili? Come si potrebbe garantire la sicurezza di tutte le rimanenti centrali nucleari? Quali sono le prospettive di realizzare l’energia geotermica e di aumentare la capacità dei bacini di diga?

La conferenza ha inoltre discusso il costante bisogno di ingegneri nucleari per due ulteriori generazioni, e la questione della fiducia del pubblico per quanto riguarda lo stoccaggio delle scorie radioattive.

ENERGY CHALLENGES 12 ha pubblicato tre rapporti che descrivono gli esiti della conferenza. Un risultato importante è stato che la conferenza ha aiutato a organizzare successive conferenze in Africa, Asia ed Europa. Il gruppo ha inoltre realizzato vari altri risultati nella disseminazione, inclusa la trasmissione dal vivo in streaming via web della conferenza e un programma della televisione svizzera sull’argomento.

Il principale effetto del progetto è stato quello di promuovere il dibattito su come trasformare il sistema energetico e il ruolo che l’energia nucleare può giocare in questa transizione.

Informazioni correlate

Keywords

Energia nucleare, ENERGY CHALLENGES 12, scorie radioattive
Numero di registrazione: 190602 / Ultimo aggiornamento: 2016-11-24
Dominio: Energia