Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La biologia riproduttiva maschile studiata a livello molecolare

La ricerca in andrologia è una priorità urgente. Per questa ragione, una rete europea ha seguito un approccio multidisciplinare per chiarire meglio l’eziologia molecolare dell’infertilità maschile.
La biologia riproduttiva maschile studiata a livello molecolare
Evidenze crescenti dimostrano un considerevole declino del conteggio spermatico e un aumento concomitante del cancro ai testicoli. Poiché le nostre conoscenze dei determinanti genetici, epigenetici e molecolari della biologia cellulare dello sperma sono limitate, vi è un interesse crescente verso la biologia riproduttiva maschile.

La rete REPRO-TRAIN (Reproductive biology early research training), finanziata dall’UE, ha supportato questo lavoro mettendo in contatto tra loro importanti gruppi di ricerca accademica e società farmaceutiche di sei diversi paesi europei e fornendo un programma di formazione interdisciplinare completo per ricercatori alle prime armi.

Prima di tutto, i ricercatori hanno utilizzato tecnologie omiche basate sulla biologia dei sistemi per identificare nuovi geni della fertilità umana e chiarire le reti genetiche che vengono danneggiate nell’infertilità. I pazienti con problemi di fertilità presentavano variazioni del numero di copie legate al cromosoma X e instabilità genomica associata a una maggiore morbilità. I casi familiari di infertilità, inoltre, presentavano varie mutazioni genetiche autosomali e collegate al cromosoma X.

Dal punto di vista della proteomica, gli scienziati hanno rilevato sperma umano con alterazioni della motilità o ridotta capacitazione, ottenendo importanti informazioni sui fattori epigenetici determinanti dei programmi di espressione genetica di fasi specifiche delle cellule germinali maschili. Hanno inoltre scoperto gli inibitori degli obiettivi epigenetici della spermatogenesi e dei tumori dell’apparato riproduttivo maschile, oltre a biomarcatori candidati del cancro alla prostata.

Nel complesso, i risultati del progetto REPRO-TRAIN hanno raccolto dati fondamentali sul processo fisiologico della spermatogenesi e sul sistema riproduttivo maschile in generale. Soprattutto, essi presentano immediate applicazioni traslazionali e potrebbero essere implementati per la prognosi dei tumori riproduttivi maschili.

Informazioni correlate

Keywords

Andrologia, infertilità, sperma, cancro testicolare, cromosoma X, mutazioni, proteomica, epigenetica