Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

WWWFOREUROPE — Risultato in breve

Project ID: 290647
Finanziato nell'ambito di: FP7-SSH
Paese: Austria
Dominio: Società

Un nuovo modello di Europa in cantiere

Per consentire all’Europa di prosperare, è necessario affrontare i problemi sociali con maggiore fermezza ed escogitare nuove idee d’avanguardiad. Un recente progetto finanziato dall’UE ha ideato una serie di metodi efficaci per raggiungere questo obiettivo nel migliore dei modi.
Un nuovo modello di Europa in cantiere
Sembrerebbe che la qualità e il tenore di vita dei cittadini europei siano superiori rispetto a quelli di molte altre parti del mondo. Tuttavia, il nostro continente risente degli effetti di alcuni scenari globali, tra cui la crisi economica, il riscaldamento globale, il rapido invecchiamento della popolazione e l’enorme problema dei rifugiati. Il progetto WWWFOREUROPE (Welfare, Wealth and Work for Europe), finanziato dall’UE, si è concentrato su un nuovo scenario che va oltre gli adeguamenti politici per promuovere una svolta positiva sul piano economico e socio-ecologico.

L’iniziativa ha adottato “il benessere in un ambiente sostenibile” come misura del progresso economico e sociale al posto del PIL. I tre principali obiettivi perseguiti contemporaneamente dai ricercatori consistevano nell’innalzamento del reddito, nella promozione dell’inclusione sociale attraverso l’occupazione, l’uguaglianza di genere e una distribuzione più equa delle risorse, e nello sviluppo della sostenibilità ambientale.

In tale scenario, l’iniziativa WWWFOREUROPE ha dato rilievo a sette fattori di cambiamento in altrettanti ambiti politici, vale a dire: promozione dell’innovazione, limitazione dello spread finanziario, rielaborazione delle politiche in materia di welfare, varie modalità di incentivazione dell’occupazione, ottimizzazione dell’uso dell’energia senza il ricorso ai combustibili fossili e rinnovamento del settore pubblico. I ricercatori si sono infine concentrati sulle riforme del settore finanziario con l’obiettivo di riallinearle ai bisogni della società incoraggiando gli investimenti nel campo sociale e ambientale.

Per rafforzare questa nuova visione europea, il gruppo di lavoro ha attuato un’efficace strategia di divulgazione a sostegno della ricerca nel settore economico, delle politiche economiche, della società civile e della comunicazione pubblica. Le iniziative, rivolte alla comunità scientifica, ai giornalisti, ai responsabili politici, alla società civile e ad altre parti interessate, sono state promosse attraverso incontri e strumenti multimediali e online, nonché l’organizzazione di conferenze su numerosi argomenti rilevanti.

Il progetto ha anche condotto alla stesura di sintesi programmatiche lungimiranti, tra cui quella intitolata “Reaping the benefits of migration in an ageing Europe” (Cogliere i vantaggi dei fenomeni migratori in un’Europa che invecchia), unitamente alla pubblicazione di articoli sull’argomento sulle principali testate europee. A metà progetto, un totale di 20 conferenze, 30 documenti programmatici, 119 documenti di lavoro e 570 attività divulgative ha contribuito in modo significativo alla diffusione della nuova visione e dei suoi messaggi chiave. A queste attività hanno fatto seguito l’elaborazione di raccomandazioni politiche, consultazioni con responsabili politici, pubblicazioni su riviste soggette alla valutazione di esperti e iniziative di incentivazione della divulgazione tra la comunità scientifica.

I risultati del progetto hanno certamente suscitato l’interesse di numerosi soggetti che sostengono la creazione di un nuovo modello di sviluppo per l’Europa. Il cambiamento in questo senso è stato promosso da una serie di iniziative volte a stimolare il dibattito sui principali temi e obiettivi del progetto attraverso un’intensa attività di divulgazione. La relazione di sintesi del progetto è disponibile online: Parte I e Parte II.

Informazioni correlate

Keywords

Benessere, ricchezza, lavoro, WWWFOREUROPE, sostenibilità ambientale, inclusione sociale, transizione socio-ecologica