Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

ANGIOPREDICT — Risultato in breve

Project ID: 278981
Finanziato nell'ambito di: FP7-HEALTH
Paese: Irlanda
Dominio: Salute

La terapia anti-angiogenica nel cancro colorettale

Attualmente, il trattamento del cancro colorettale metastatico (mCRC) si basa su complesse sostanze terapeutiche mirate di recente sviluppo. Gli scienziati europei hanno unito le forze per identificare una nuova generazione di biomarcatori che permetta di ottenere la stratificazione dei pazienti a cui viene destinata la terapia combinatoria.
La terapia anti-angiogenica nel cancro colorettale
Il cancro colorettale è il terzo tumore più diagnosticato nei maschi e il secondo nelle femmine dei paesi sviluppati. Attualmente, un trattamento importante per questi pazienti è costituito dal farmaco Avastin® (bevacizumab), che inibisce la formazione dei vasi sanguigni (angiogenesi) dei tumori, impedendone la crescita. Fino ad ora, i meccanismi genomici sottostanti che determinano se un paziente risponderà o meno alla terapia combinatoria con Avastin® erano sconosciuti. Inoltre, questo trattamento non è efficace in tutti i pazienti e a causa di ciò alcuni di essi ne subiscono gli effetti collaterali senza però trarne beneficio.

L’utilizzo futuro dell’Avastin® nell’mCRC (e in altri tipi di tumori) sarà fortemente influenzato dalla disponibilità di biomarcatori predittivi che permettano di selezionare i pazienti che potranno ottenerne i vantaggi maggiori. Ad oggi, non erano disponibili biomarcatori convalidati per l’avastin né altri strumenti diagnostici associati.

Il progetto ANGIOPREDICT (Predictive genomic biomarkers methods for combination Bevacizumab (Avastin) therapy in metastatic colorectal cancer), finanziato dall’UE, ha visto l’adesione di figure accademiche specializzate nella biologia del cancro e di ricercatori di biotecnologie operanti in ambito industriale, che hanno collaborato con i medici per esplorare strategie basate su biomarcatori per la previsione della risposta dei singoli pazienti alla terapia combinatoria basata su Avastin®. L’obiettivo ultimo consisteva nello sviluppo di test diagnostici basati su tali biomarcatori, da mettere in futuro a disposizione degli operatori medici per la previsione delle risposte dei pazienti ai trattamenti.

I partner del progetto ANGIOPREDICT hanno impiegato diverse tecnologie per analizzare i campioni di tessuti dei pazienti sottoposti a chemioterapia o a terapia combinatoria con Avastin®, al fine di studiarne i possibili biomarcatori predittivi. I risultati di questo lavoro esplorativo sono quindi stati convalidati su altri campioni di tessuti, tratti, ad esempio, dallo studio clinico ANGIOPREDICT.

Tra i risultati più significativi del lavoro vi sono: l’identificazione di nuove firme del biomarcatore predittivo dell’alternanza del numero di copie; la presentazione prioritaria di una richiesta di brevetto (gennaio 2016) per proteggere importanti biomarcatori di metilazione a scopo diagnostico e/o prognostico per il cancro al colon e di altro tipo; l’identificazione di nuovi classificatori predittivi, la conferma del potenziale predittivo di firme multi-genetiche di recente pubblicazione (sottotipi molecolari) e la descrizione di nuovi cluster molecolari predittivi delle risposte; un nuovo metodo per la stratificazione dei pazienti ANGIOPREDICT in sottotipi con risultati di sopravvivenza significativamente diversi; l’applicazione di un modello statistico integrativo a due set di dati (CNA ed SNP somatici) per la definizione di due cluster di pazienti con risultati di trattamento significativamente migliori.

Alla luce dei progressi ottenuti, Angiopredict ha aperto numerose nuove prospettive promettenti per il proseguimento della ricerca in questo settore. Il progetto ha registrato risultati significativi in vista dell’obiettivo ultimo di fornire biomarcatori e test diagnostici in grado di prevedere la risposta alla terapia combinatoria con Avastin®. In ultima analisi, il progetto contribuirà a un trattamento più mirato, migliorando la cura e la qualità della vita dei pazienti e riducendo i costi dell’assistenza sanitaria.

Informazioni correlate

Argomenti

Life Sciences

Keywords

Terapia anti-angiogenica, cancro colorettale, biomarcatori, Bevacizumab, ANGIOPREDICT