Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

LAJA Risultato in breve

Project ID: 623845
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Francia

Le complessità della comunicazione verbale

Una conversazione è una complessa attività congiunta che richiede agli interlocutori di passare automaticamente tra la produzione e la comprensione del linguaggio. La ricerca finanziata dall’UE ha studiato l’accoppiamento tra la produzione e la comprensione del linguaggio durante la comunicazione verbale.
Le complessità della comunicazione verbale
Fino ad oggi, la maggior parte della ricerca sull’elaborazione del linguaggio è stata fatta per la produzione e la comprensione del linguaggio come processi separati. Il progetto LAJA (Language and joint action) ha cercato di saperne di più sull’elaborazione del linguaggio in una conversazione. Ha esplorato come la previsione e il monitoraggio, due processi fondamentali che contribuiscono a qualsiasi azione congiunta di successo, sono coinvolti nella comunicazione verbale. Di conseguenza, i ricercatori hanno formulato due domande correlate: “Che cosa viene previsto dal discorso degli altri?” e “Come vengono inseriti i processi di monitoraggio durante le azioni verbali?”

Per rispondere alla prima domanda, il progetto ha condotto tre esperimenti. Uno ha rivelato che il coinvolgimento della produzione linguistica in determinati compiti di conversazione e ascolto modulava chiaramente le risposte cerebrali. Il secondo esperimento, che ha esaminato i processi di previsione in presenza di un interlocutore, ha mostrato che l’interazione con gli altri influisce su come ci aspettiamo il loro prossimo discorso.

Nel terzo esperimento, il team ha testato come la somiglianza del compiti modula i processi di previsione. LAJA ha scoperto che le risposte dei partecipanti erano influenzate dalla risposta dei loro partner. Questo ha rivelato un effetto di facilitazione per i partecipanti che svolgono compiti fonologici, ma non per coloro che svolgono compiti semantici. Mentre i modelli di produzione del discorso presuppongono che l’elaborazione semantica si verifichi prima dell’elaborazione fonologica, questi risultati indicano che la co-rappresentazione del compito avviene solo quando la rappresentazione del compito di un altro non interferisce con il compito in questione.

Per rispondere alla seconda domanda, LAJA ha testato se le firme del cervello associate al rilevamento degli errori si verificano allo stesso modo per gli errori verbali propri e degli altri. I risultati hanno rivelato che le risposte del cervello (registrate usando l’elettroencefalografia) erano modulate in modo simile per gli errori propri e degli altri. Inoltre, il test ha dimostrato che soltanto i propri errori suscitavano modulazioni elettriche prima di produrre l’errore. Questo supporta l’esistenza di un meccanismo di controllo vocale interno che rileva errori vocali prima che siano effettuati.

I risultati dei quattro esperimenti offrono la prova di come l’elaborazione del linguaggio è modulata durante l’interazione verbale, contribuendo alla nostra comprensione del linguaggio come un’azione comune. Dato che nel mondo online di oggi ci sono meno incontri faccia a faccia, è importante capire come le interazioni verbali modellano i processi cognitivi impiegati dagli individui nei contesti sociali.

Informazioni correlate

Keywords

Comunicazione verbale, conversazione, linguaggio, azione congiunta, elaborazione del linguaggio, LAJA
Numero di registrazione: 190785 / Ultimo aggiornamento: 2016-12-22