Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

Expand Risultato in breve

Project ID: 605767
Finanziato nell'ambito di: FP7-SME
Paese: Paesi Bassi

Un dispositivo intelligente rende più ecocompatibili i distributori automatici

Un progetto finanziato dall’UE ha sviluppato un dispositivo per refrigerante ecocompatibile per i distributori automatici, in grado anche di garantire un risparmio energetico.
Un dispositivo intelligente rende più ecocompatibili i distributori automatici
Per i distributori automatici che erogano bevande fredde e altri prodotti commestibili refrigerati, si avvicina il termine entro cui dovranno passare a gas di refrigerazione ecocompatibili alla fine di questo decennio.

Il progetto EXPAND ha sviluppato una innovativa valvola di espansione che elimina la necessità della tecnologia con refrigerante a base di HFC (idrofluorocarburo), dannoso per l’ambiente), che prevale tuttora nel settore dei distributori automatici in Europa. Allo stesso tempo, il dispositivo (regolato elettronicamente tramite un software specifico) attribuisce una maggiore efficienza energica ai distributori automatici.

“È decisamente indispensabile che il settore passi ora a gas più naturali,” afferma David Irvine, esponente del membro del consorzio European Vending Association (EVA) a Bruxelles, poiché si sa che i principali refrigeranti a base di HFC contribuiscono al riscaldamento globale. Presto entrerà in vigore la nuova normativa dell’UE che vieta due refrigeranti comunemente utilizzati nel settore della distribuzione automatica: l’HFC-R404A sarà vietato dal 2020, mentre l’HFC-R134A sarà vietato dal 2022.

Quando nel 2013 è partito il progetto EXPAND, non esisteva alcun dispositivo idoneo in commercio che impiegasse gas refrigeranti naturali, verso cui potessero orientarsi i costruttori di distributori automatici per la sostituzione,” spiega Irvine. “Abbiamo dovuto iniziare da zero. EXPAND si prefiggeva l’obiettivo di sviluppare un prototipo definitivo da proporre al settore dei distributori automatici.”

I distributori automatico del Giappone erano già passati ai gas naturali, ma i loro apparecchi sono diversi da quelli europei, come anche quelli statunitensi; pertanto non è possibile semplicemente importare la tecnologia ecocompatibile esistente,” afferma.

HFC dispensati

L’innovativa valvola di espansione, sviluppata e testata da un gruppo di PMI nel quadro di un progetto e ora allo stadio di prototipo finale, può servirsi di biossido di carbonio o di idrocarburi, per cui è applicabile a una molteplicità di piccoli impianti di raffreddamento commerciali.

Gli impianti di raffreddamento dei distributori automatici di piccole dimensioni si serve generalmente di un sistema di tubi capillari progettato per gestire un carico fisso. Tuttavia, come spiega Irvine, una valvola di espansione (che controlla il flusso del refrigerante e regola la pressione che ne cambia lo stato da liquido a gassoso) è estremamente più efficiente, poiché si adatta a una varietà più ampia di condizioni di temperatura ambiente.

“Non esiste nulla del genere per piccoli apparecchi di distribuzione,” dice Irvine. Le valvole di espansione esistenti sono molto costose e poco efficienti e sono destinate a impianti frigoriferi più grandi a intenso carico di lavoro.

La valvola sviluppata da EXPAND presenta un ulteriore vantaggio molto importante, in un momento in cui viene introdotto uno schema di etichettatura indicante il consumo di energia, simile a quello dei frigoriferi domestici. I test sul dispositivo in distributori automatici in condizioni di laboratorio hanno valutato potenziali risparmi di energia fino al 20 %.

Una centralina intelligente, progettata dall’azienda IT bulgara InRay Solutions, regola elettronicamente l’apertura e la chiusura della valvola.

Diversamente dal vecchio sistema capillare, “si può ottimizzare la valvola in relazione al cambiamento delle condizioni e, di conseguenza, guadagnare in termini di efficienza energetica,” sottolinea Irvine. È un elemento importante, poiché i distributori automatici consumano più energia di altri apparecchi di refrigerazione industriali, quando vengono aperti per il reintegro dei prodotti e nel sistema penetra aria calda.

Il prototipo finale

Il prototipo finale, che integra la centralina intelligente, sarà presentato dall’EVA ai costruttori all’inizio del 2017, consentendo loro di testare le proprie apparecchiature in modo da permettere l’esecuzione di piccoli adattamenti. Successivamente, “non vi sarà più alcun ostacolo all’avvio della produzione nel 2017,” prevede Irvine.

La valvola di espansione si può produrre con tecniche a basso costo che non impongono investimenti rilevanti in produzione e strumentazione,” aggiunge. Tale caratteristica la rende idonea a volumi di produzione di dimensioni medio-bassi; inoltre, in molti casi, l’unità di refrigerazione riconvertita che utilizza la valvola può essere inserita nei distributori automatici esistenti.

Secondo l’EVA – formata da 13 associazioni nazionali in rappresentanza di piccole e medie imprese che producono componenti industriali per i distributori automatici e imprese che forniscono bevande e prodotti dolciari per i distributori – ogni anno entrano nel mercato europeo 1,2 milioni di macchine commerciali. Si prevede che il numero aumenterà a 1,6 milioni entro il 2025.

Keywords

EXPAND, distributori automatici, valvola di espansione, risparmio energetico, efficienza energetica
Numero di registrazione: 190807 / Ultimo aggiornamento: 2016-12-23