Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

MITONEUROMAGE Risultato in breve

Project ID: 628649
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Grecia

I determinanti molecolari della disfunzione metabolica neuronale

Alcuni ricercatori europei hanno indagato sul modo con cui i geni dell’antigene del melanoma (MAGE) causano la disfunzione metabolica nei neuroni.
I determinanti molecolari della disfunzione metabolica neuronale
Ai geni MAGE viene dedicata un’attenzione crescente a causa del loro ruolo nelle malattie umane, principalmente il cancro e i disturbi neuroevolutivi. Due componenti della superfamiglia MAGE, vale a dire necdina e MAGEL2, causano la sindrome di Prader-Willi. Si tratta di un disturbo che viene associato a una funzione cognitiva aberrante e ad alcune psicosi, nonché a disfunzioni metaboliche come l’iperfagia, un’elevata massa grassa corporea e l’obesità.

Gli scienziati impegnati nel progetto MITONEUROMAGE (The role of MAGE proteins in mitochondria: Novel insights for the regulation of neuronal function), finanziato dall’UE, intendevano indagare sull’esatta funzione della necdina e della MAGEL2 nel metabolismo neuronale. Tenuto conto dell’ingente numero di proteine MAGE presente nei mammiferi, hanno impiegato come modello il nematode Caenorhabditis elegans, che contiene un’unica proteina MAGE.

I risultati del progetto indicano che MAGE-1 risulta espressa nei neuroni e si trova principalmente nei mitocondri. I ricercatori hanno osservato che la perdita di MAGE-1 conduce alla frammentazione mitocondriale, all’induzione dell’autofagia e all’accumulo di grasso corporeo.

Le nozioni meccaniciste acquisite sulla funzione della MAGE-1 hanno indicato che essa regola l’attività del regolatore della biogenesi mitocondriale di matrice SKN-1. A livello di organismo, la carenza di MAGE-1 determina una maggiore resistenza allo stress ossidativo. Tali esiti sono stati confermati anche in neuroni di mammiferi; in tali casi, gli scienziati hanno inoltre dimostrato che la necdina ortologa del mammifero interagisce con componenti specifici della catena del trasporto degli elettroni.

Nel loro complesso, le conclusioni di MITONEUROMAGE dimostrano una conservazione evolutiva della funzione della necdina nella regolazione del mantenimento mitocondriale e dell’autofagia. Se si tiene conto della criticità di tali due processi per l’omeostasi generale di neuroni, l’implicazione della necdina propone una nuova angolazione rispetto ala patologia delle malattie neuronali.

Informazioni correlate

Keywords

Disfunzione metabolica, MAGE, neuroni, necdina, MITONEUROMAGE
Numero di registrazione: 190821 / Ultimo aggiornamento: 2017-01-11