Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

CARTILAGE TGF-BETA Risultato in breve

Project ID: 625710
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Regno Unito

Un nuovo approccio alla rigenerazione della cartilagine

La cartilagine articolare dei giunti sinoviali ha la funzione di sopportare il carico e la frizione. Comprendere come riesce a mantenere la sua attività per otto-nove decenni è fondamentale per riuscire a studiare nuovi trattamenti per condizioni come l’osteoartrite (OA).
Un nuovo approccio alla rigenerazione della cartilagine
La degenerazione progressiva della cartilagine articolare porta all’OA, una condizione debilitante associata a dolore e a gravi limitazioni della mobilità. L’OA ha una forte prevalenza nella popolazione dell’UE, ma i meccanismi che ne sono alla base e che impediscono il normale mantenimento dei tessuti, portando alla degenerazione delle articolazioni, non sono ancora pienamente chiariti.

L’obiettivo principale del progetto CARTILAGE TGF-BETA (Functional role of endogenous latent TGF-beta activation in the intrinsic repair of mechanically loaded articular cartilage), finanziato dall’UE, era lo studio dei meccanismi di riparazione intrinseci della cartilagine articolare. Le attività del consorzio si sono concentrate sull’ipotesi che, in risposta al carico meccanico fisiologico, il TGF-beta latente sequestrato nella matrice extracellulare della cartilagine venga attivato attraverso l’azione delle proteasi secrete dai condrociti. L’attivazione del TGF-beta, tuttavia, non riesce a controbilanciare il deterioramento nei casi di carico eccessivo, con conseguente progressiva degenerazione dei tessuti. L’obiettivo a lungo termine dello studio era valutare se il TGF-beta latente possa costituire la base per strategie di ingegnerizzazione dei tessuti e di inibizione molecolare volte a rallentare la progressione della malattia o a sostituire le cartilagini articolari difettose.

A tal fine, i ricercatori hanno sviluppato un sistema sperimentale in vitro, dimostrando per la prima volta che il TGF-beta endogeno svolge un ruolo funzionale importante nella protezione della cartilagine articolare soggetta a carico meccanico. L’attivazione del TGF-beta endogeno ha mantenuto l’integrità tensile della matrice di collagene e la vitalità dei condrociti nel tessuto sottoposto a carico meccanico.

Come approccio rigenerativo, gli scienziati hanno adottato una nuova strategia biomimetica dei tessuti cartilaginei, in cui il TGF-beta latente è stato coniugato a uno scaffold in idrogel incapsulato in cellule, simulando l’ambiente nativo della cartilagine articolare e offrendo un’attività uniforme del fattore di crescita in vista dell’ingegnerizzazione dei tessuti.

Nell’ambito dello stesso progetto, il consorzio ha inoltre caratterizzato la creazione e la distribuzione dei componenti della matrice extracellulare della cartilagine, applicando la tecnica di imaging iperspettrale Raman, che permette di caratterizzare la qualità e l’integrità della cartilagine ingegnerizzata.

Considerato il carico socioeconomico dell’OA in Europa, le informazioni meccanicistiche ottenute dallo studio CARTILAGE TGF-BETA presentano un nuovo approccio rigenerativo basato sulla biosintesi delle cartilagini.

Informazioni correlate

Argomenti

Life Sciences

Keywords

Cartilagine articolare, osteoartrite, CARTILAGE TGF-BETA, TGB-beta, ingegnerizzazione dei tessuti
Numero di registrazione: 190866 / Ultimo aggiornamento: 2017-01-16