Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

L’interazione delle proteine nella neurodegenerazione

Comprendere perché i pazienti colpiti da determinate condizioni neurodegenative hanno un rischio più alto di sviluppare un altro disturbo è fondamentale per la loro prognosi e il loro trattamento. Uno studio europeo ha fornito prove molecolari convincenti del meccanismo sotteso a questa osservazione.
L’interazione delle proteine nella neurodegenerazione
L’aggregazione delle proteine è il segno distintivo di vari disturbi neurodegenerativi come l’Alzheimer (AD) e il Parkinson (PD). Il beta-amiloide (Aβ) e le proteine tau formano aggregati nell’AD e l’aggregazione di α-sinucleina è presente nel PD. Interessanti prove scientifiche recenti dimostrano che le interazioni sinergiche tra α-sinucleina e tau, Aβ e tau e α-sinucleina e oligomeri di Aβ. Tuttavia, il meccanismo alla base di questa aggregazione abbinata di proteine resta controverso, né è chiaro in quali domini interagiscono queste proteine.

L’obiettivo del progetto ABETAALPHASYNTAU (Insight into the synergistic interactions between Aβ amyloid, α-synuclein and Tau), finanziato dall’UE, era comprendere il meccanismo con cui diversi amiloidi interagiscono per attivare l’insorgenza della malattia. I ricercatori sono riusciti a studiare le interazioni tra diversi oligomeri e hanno ottenuto importanti informazioni sul collegamento tra le malattie. A tal fine hanno utilizzato strumenti computazionali come modelli molecolari e dati sperimentali.

Hanno scoperto che il dominio NAC svolgeva un ruolo importante nell’aggregazione dell’alfa-sinucleina nel PD e hanno sezionato il meccanismo di assemblaggio dell’alfa-sinucleina in oligomeri. Inoltre utilizzando strumenti per la creazione di modelli, gli scienziati hanno scoperto stati polimorfi e diversi tipi di interazioni tra gli oligomeri di amiloidi.

Nel loro insieme queste informazioni hanno creato le basi per spiegare come i pazienti con AD siano a rischio di sviluppare PD e viceversa. Ciò potrebbe anche fornire la base per comprendere il maggior rischio dei pazienti con diabete di tipo 2 di sviluppare AD o PD nel corso successivo della vita.

Informazioni correlate

Keywords

Neurodegenerazione, aggregazione delle proteine, malattia di Alzheimer, morbo di Parkinson, β-amiloide, tau, alfa-sinucleina, ABETAALPHASYNTAU, dominio NAC