Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

SKYHIGH Risultato in breve

Project ID: 627473
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Regno Unito

Nuova luce sulle interazioni magnetiche degli skirmioni, nelle pellicole sottili

Gli skirmioni magnetici rappresentano piccole configurazioni simil-vortice che se correttamente manipolate vantano una grande promessa per le applicazioni di spintronica. Gli scienziati finanziati dall’UE hanno approfondito a livello sperimentale le interazioni degli skirmioni magnetici, le quali dovrebbero costituire un passo cruciale per l’integrazione nei dispositivi di archiviazione ed elaborazione delle informazioni di futura generazione.
Nuova luce sulle interazioni magnetiche degli skirmioni, nelle pellicole sottili
I materiali magnetici privi di simmetria di inversione hanno dimostrato di avere un potenziale in quanto a momenti torcenti intrinseci. Tali materiali possono ospitare interazioni chirali che portano a stati magnetici fondamentali chirali come per esempio gli skirmioni. Gli Skirmioni magnetici sono solitoni simili a particelle di pochi nanometri, la cui struttura di spin può essere continuamente mappata su una sfera.

A causa delle ridotte dimensioni, gli skirmioni possono essere utilizzati per sviluppare dispositivi di archiviazione dei dati estremamente densi, inaugurando una nuova classe di dispositivi a bassa potenza. Tuttavia, gli skirmioni non sono facili da controllare, dunque nel corso degli anni sono stati dedicati molti sforzi alla creazione di skirmioni stabili. La ricerca si è incentrata principalmente sugli skirmioni formati nelle materie grezze magnetiche.

Nel progetto SKYHIGH (Skyrmion devices and their high frequency dynamics), finanziato dall’UE, gli scienziati hanno mirato ad analizzare ulteriormente le dinamiche degli skirmioni magnetici nei film sottili magnetici.

Il team ha studiato le interazioni tra skirmioni ospitati all’interno di film sottili al germaniuro. Le dinamiche di magnetizzazione degli skirmioni all’interno di questi film sono state rilevate attraverso sistemi di misura avanzati ad alta frequenza.

Nei multistrati, gli skirmioni hanno origine a causa di interazioni Dzyaloshinskii-Moriya che derivano dalla rottura alle interfacce, relativa alla simmetria di inversione. Le misure di polarizzazione di spin nei multistrati a film sottile hanno prodotto nuove conoscenze sulle interazioni, rendendo tali sistemi a film sottile promettenti per la manipolazione degli skirmioni.

Un migliore controllo sulle proprietà magnetiche degli skirmioni interagenti dovrebbe fornire la base per le nuove tecnologie di spintronica, ossia tecnologie che cercano di sfruttare tali proprietà per le applicazioni di calcolo e comunicazione. Gli skirmioni possono essere manipolati per codificare le informazioni, poiché la loro presenza o assenza rappresenta dei bit.

Informazioni correlate

Argomenti

Life Sciences

Keywords

Skirmioni magnetici, film sottili, spintronica, simmetria di inversione, SKYHIGH
Numero di registrazione: 190989 / Ultimo aggiornamento: 2017-02-06