Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Produzione di metano nelle zone umide

Recenti studi hanno identificato due processi che bloccano la produzione di metano nelle zone umide. I ricercatori hanno compreso il meccanismo che sta alla base di questi due processi.
Produzione di metano nelle zone umide
Le zone umide contengono tra il 15 e il 30 % del deposito globale di carbonio nel suolo sotto forma di materia organica disciolta e particolata (rispettivamente DOM e POM). Tuttavia, la nostra comprensione della produzione di metano in queste zone umide, strettamente collegata al sequestro naturale del carbonio, è incompleta.

L’iniziativa NOMSUPPRESSCH4 (Assessing suppression of methanogenesis in wetlands by electron accepting and polyphenolic moieties in natural organic matter), finanziata dall’UE, mirava a misurare l’importanza di due processi che controllano la produzione di metano. I ricercatori hanno lavorato per incubare campioni di zone umide naturali in laboratorio al fine di studiare i due processi.

NOMSUPPRESSCH4 ha raccolto materiale da paludi e acquitrini alimentati dalle piogge e dalle falde freatiche in Svezia e negli Stati Uniti. I ricercatori, oltre ad altre misurazioni, hanno analizzato la chimica di questi campioni e li hanno caratterizzati in termini di pH e di conduttività elettrica.

Il team ha esaminato l’importanza della DOM e della POM nella chimica del carbonio delle zone umide usando delle tecniche di chimica analitica. Essi hanno combinato questo metodo con il monitoraggio per la formazione di metano e anidride carbonica nei campioni prelevati dalle zone umide.

NOMSUPPRESSCH4 ha effettuato esperimenti di incubazione per scoprire se la produzione di metano viene bloccata nel corso di ripetuti cicli chimici nelle zone umide. Dopo diverse settimane di monitoraggio, i ricercatori non hanno trovato alcuna differenza significativa dal punto di vista statistico nel tasso di produzione dell’anidride carbonica e del metano.

Questi risultati suggeriscono che il ruolo della DOM e della POM nella torba quali accettori di elettroni nella respirazione anaerobica e nella metanogenesi non è semplicemente connesso alle loro capacità di accogliere elettroni.

Questo lavoro si spingerà oltre il laboratorio fino a giungere a studi in scala di campo, e aiuterà a migliorare le politiche di gestione delle zone umide e la comprensione del cambiamento climatico globale.

Informazioni correlate

Argomenti

Life Sciences

Keywords

Produzione metano, zone umide, materia organica, NOMSUPPRESSCH4, anidride carbonica