Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Misurare la risposta al dolore

La sensazione di dolore ci mette in guardia da pericoli e lesioni imminenti, ma gli individui differiscono nella capacità di modulare il dolore. Alcuni ricercatori finanziati dall’UE hanno studiato l’input sensoriale e la percezione del dolore per comprendere la ragione delle variazioni nella modulazione del dolore da individuo a individuo.
Misurare la risposta al dolore
Lo studio MODULATORY CAPACITY (Modulatory capacity: Understanding individual differences in the relationship between sensory input and pain perception) è stato avviato per sviluppare nuove misure basate sul cervello e sul comportamento e determinare i fattori alla base delle differenze individuali nella regolazione del dolore. Ciò è stato fatto attraverso tre progetti principali.

Sono stati raccolti dati tramite test sensoriali quantitativi dinamici e statici, questionari e misure della regolazione emotiva e cognitiva del dolore da 69 partecipanti allo studio. Sono stati inoltre raccolti dati da scansioni di risonanza magnetica funzionale in stato di riposo e di sollecitazione dolorosa da 40 di questi partecipanti. I risultati hanno rivelato variazioni individuali nella reattività sensoriale ed emotiva oltre che nella connettività dei circuiti modulatori discendenti del cervello.

I ricercatori hanno studiato anche l’impatto dell’identificazione di sesso e genere sulla partecipazione allo studio per eliminare distorsioni da segnalazione selettiva o campionamento selettivo. Ciò è fondamentale per le sue implicazioni nella determinazione della possibile generalizzazione della risposta al dolore tra gruppi di identificazione sessuale e di genere. I dati da 137 partecipanti hanno rivelato la probabilità di distorsioni dovute alle differenze di sesso negli studi sulla risposta al dolore.

Nel terzo progetto i ricercatori hanno studiato le risposte neurali al dolore nelle persone nate con insensibilità congenita al dolore. Cosa molto interessante, la loro “matrice del dolore” neurale era esattamente come quella degli individui sani, a convalida della necessità di trovare migliori marcatori di neuroimaging per il dolore.

I risultati dello studio sono stati presentati a diversi incontri internazionali, in forum pubblici e attraverso i mass media; attualmente sono in fase di preparazione i manoscritti.

I ricercatori di MODULATORY CAPACITY hanno caratterizzato i meccanismi neurali coinvolti nella risposta al dolore e hanno studiato il ruolo di potenziali marcatori cerebrali e comportamentali nella modulazione del dolore. Le future attività di ricerca si concentreranno su popolazioni con dolore clinico per individuare e validare nuovi marcatori applicabili a livello clinico per la modulazione del dolore emotivo e cognitivo. Le applicazioni includono misurazione e previsione della risposta al dolore cronico a seguito di interventi medici come la chirurgia.

Informazioni correlate

Argomenti

Life Sciences

Keywords

Risposta al dolore, input sensoriale, percezione del dolore, modulazione del dolore, MODULATORY CAPACITY