Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

I processi di comprensione della lingua dei bambini turchi

Uno studio ha esaminato la comprensione in tempo reale della lingua turca e tedesca da parte di alcuni bambini. I risultati hanno fatto luce sulle diverse modalità di comprensione delle varie lingue e sullo sviluppo di tali abilità nella prima infanzia.
I processi di comprensione della lingua dei bambini turchi
È risaputo che nella fascia d’età compresa tra i quattro e i cinque anni i bambini siano in grado di comprendere senza particolari sforzi la maggior parte dei contenuti che ascoltano. Tuttavia, non si sa ancora molto dei meccanismi alla base di tale fenomeno. Negli ultimi 15 anni sono state ideate svariate tecniche per lo studio della comprensione in tempo reale nei bambini piccoli.

Una di queste è il paradigma di analisi dei movimenti oculari relativi al mondo visivo (visual world eye-tracking). La posizione dell’occhio offre un’indicazione del livello di attenzione in ragione della sua correlazione al contesto visivo e all’input linguistico della lingua parlata. Questo metodo è ideale per analizzare i bambini, in quanto utilizza il comportamento spontaneo come criterio di valutazione. Il progetto DEV LANG COMPRHNSN (Development of spoken language comprehension processes in a verb-final language: Incremental interpretation of case marking cues in Turkish speaking children), finanziato dall’UE, è stata la prima iniziativa ad aver studiato l’uso del paradigma di analisi dei movimenti oculari relativi al mondo visivo sui bambini di lingua turca.

I ricercatori hanno tentato di analizzare la capacità dei bambini di interpretare in modo incrementale i segnali morfosintattici, allo scopo di individuare il momento esatto in cui viene eseguita l’interpretazione di un particolare segnale attraverso l’utilizzo di frasi naturali. È stata quindi condotta una serie di studi sperimentali che esaminano le modalità di interpretazione di varie strutture della lingua parlata da parte di bambini piccoli che apprendono una lingua con verbo alla fine, come il turco o il tedesco.

Nei primi esperimenti, i ricercatori hanno studiato il modo in cui i bambini di quattro anni che imparano il turco o il tedesco interpretano segnali legati alla marcatura dei casi che collocano il verbo alla fine della frase. Dai risultati di studi condotti in passato emerge l’incapacità dei bambini di interpretare i segnali di marcatura dei casi in frasi che collocano l’oggetto all’inizio fino agli ultimi anni dell’infanzia.

I ricercatori hanno condotto altri tre esperimenti su bambini di lingua turca per capire se fossero in grado di interpretare le differenze tra i vari segnali di marcatura dei casi. Nello specifico, lo studio mirava a esaminare la capacità dei bambini in età prescolare di interpretare le restrizioni di significato imposte dai casi accusativo e ablativo. L’iniziativa DEV LANG COMPRHNSN ha anche analizzato la capacità di interpretazione incrementale dei morfemi verbali da parte di bambini piccoli, indipendentemente dall’identità dei nomi e dai segnali di marcatura dei casi.

I risultati del progetto potrebbero offrire materiale prezioso per il lavoro di scienziati cognitivi, linguisti teorici, linguisti computazionali, esperti di psicologia dello sviluppo, educatori, terapeuti educativi, scienziati clinici, genitori e decisori.

Informazioni correlate

Keywords

Comprensione della lingua, bambini, analisi dei movimenti oculari, DEV LANG COMPRHNSN, lingua con verbo alla fine
Numero di registrazione: 191084 / Ultimo aggiornamento: 2017-02-14