Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Ricerca e formazione nel settore dei gateway marini

Uno studio interdisciplinare che ricostruisce gli scambi nel passaggio tra Mediterraneo e Atlantico risalenti a 5-10 milioni di anni fa ha condotto allo sviluppo di una rete europea per la ricerca oceanica internazionale in tale settore.
Ricerca e formazione nel settore dei gateway marini
I gateway marini svolgono un ruolo critico nello scambio di acqua, calore, sale e nutrienti tra gli oceani e i mari, registrando un impatto determinante sul clima a livello sia regionale sia globale. Per poter valutare l’influenza dei gateway marini sul clima nel corso del tempo, è necessario analizzare quelli più antichi. Un primo esempio è rappresentato dai corridoi marini che collegavano l’Atlantico e il Mediterraneo prima della formazione degli Stretti di Gibilterra risalente a circa 5 milioni di anni fa, che hanno contribuito all’innalzamento e alla preservazione del suolo nel Marocco settentrionale e nella Spagna meridionale. Sebbene nel corso dei decenni siano state condotte numerose ricerche sull’argomento, molti aspetti rimangono tuttora lacunosi, tra cui il momento esatto della chiusura di questi corridoi, la loro geometria, il modello di scambio interno e il loro impatto sul clima globale.

Lo studio MEDGATE (Reconstructing Mediterranean-Atlantic exchange during the Miocene), finanziato dall’UE, ha tentato di ricostruire l’evoluzione di questi corridoi marini. A tal fine, è stato concepito un percorso di formazione a supporto di un programma di ricerca altamente collaborativo rivolto a 10 ricercatori e incentrato sul potenziamento di numerose abilità nel settore geologico e, nello specifico, della geologia di campo, delle tecniche biostratigrafiche, della geochimica avanzata e della modellazione numerica.

Il percorso formativo è riuscito nel suo intento di avviare i ricercatori verso carriere accademiche e industriali, coinvolgendoli in tutti gli aspetti del progetto, tra cui la gestione e la divulgazione dei risultati a un’ampia comunità di soggetti interessati nel settore accademico e industriale e al grande pubblico. Contestualmente al potenziamento delle abilità e del livello di esperienza, i ricercatori hanno iniziato a intraprendere percorsi formativi sempre più specializzati. Il progetto ha valutato le conseguenze a livello sia globale sia locale degli scambi Mediterraneo-Atlantico e si è occupato della costruzione di una nuova rete multisettoriale europea per la conduzione di nuove iniziative di ricerca internazionali in tale area.

Informazioni correlate

Keywords

Passaggio tra Mediterraneo e Atlantico, MEDGATE, Miocene, geologia, geochimica, modellazione numerica
Numero di registrazione: 191121 / Ultimo aggiornamento: 2017-02-16