Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Micromotori Janus disponibili per dispositivi lab-on-a-chip

I finanziamenti dell’UE hanno permesso ai ricercatori di sviluppare dei micromotori. Questi sono stati integrati all’interno di dispositivi lab-on-a-chip (LOC) per una miriade di applicazioni, tra cui in ambito di salute, sicurezza alimentare e ambientale.
Micromotori Janus disponibili per dispositivi lab-on-a-chip
Il team di ricercatori ha svolto progressi significativi nel corso della durata di 36 mesi del progetto LOCNANOMOT (New lab-on-a-chip microsystems based on active transport by synthetic micro/nanomotors). Le particelle Janus, omonime del bifronte dio Giano, dell’antica Roma, sono state scelte in quanto possono incorporare proprietà differenti o incompatibili, in una singola particella. L’obiettivo del progetto ha riguardato lo sviluppo e l’integrazione di micromotori funzionalizzati all’interno di dispositivi microfluidici LOC, per eseguire contemporaneamente molteplici rilevamenti di analiti, partendo da un singolo campione.

I ricercatori hanno sviluppato e caratterizzato micromotori Janus e hanno valutato l’impatto relativo a micromotori e nanofili catalitici circa il trasporto e la miscelazione di liquidi. Inoltre è stato sviluppato un nuovo protocollo per rilevare l’argento attraverso il movimento di nanofili metallici.

Degno di nota è l’utilizzo del grafene per produrre per la prima volta dei micromotori tubolari. Questo sviluppo ha permesso ai ricercatori di utilizzare diversi tipi di recettori sul grafene, per i sistemi LOC di futura generazione. Il team di ricerca ha inoltre incorporato globuli rossi sulla superficie di nanofili di oro con propulsione a ultrasuoni, presenti all’interno di motori biomimetici.

Con un risultato degno di nota, i ricercatori hanno integrato punti quantici nanocristallini sulla superficie dei modelli di micromotori preparati per la rilevazione simultanea di più analiti. Tali microsensori possono essere utilizzati per rilevare contaminanti come mercurio e batteri nei campioni.

I ricercatori hanno proposto con successo una strategia relativa a micromotori Janus, per lo sviluppo di nuovi dispositivi ai fini di analisi decentrate in grado di consentire il monitoraggio su chip di composti tossici, in relazione a campioni complessi. Sono stati prodotti e sviluppati micromotori composti di nanomateriali a base di carbonio, i quali sono stati successivamente integrati in un sistema LOC. Questo sistema è stato quindi utilizzato per l’isolamento di cellule e batteri rari, così come per l’analisi di alimenti e campioni biologici.

I risultati dello studio sono notevoli e sono stati pubblicati su numerose e importanti riviste scientifiche. La domanda abbonda nel settore sanitario, alimentare e ambientale, con benefici per tutti. Per citarne alcuni, questi sistemi LOC con micromotore possono essere utilizzati per rilevamento di agenti patogeni, diagnosi clinica, scienze forensi, risanamento ambientale, analisi del DNA e sicurezza alimentare.

Informazioni correlate

Argomenti

Life Sciences

Keywords

Micromotori Janus, lab-on-a-chip, LOCNANOMOT, grafene, punto quantico, isolamento di batteri
Numero di registrazione: 198615 / Ultimo aggiornamento: 2017-05-29