Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Il popolo kazako e i suoi antenati

Un team dell’UE ha studiato il rapporto del popolo kazako con le antiche tradizioni di riverenza degli antenati. Tali tradizioni mettono le persone in conflitto con lo stato moderno, ma forniscono anche al popolo conforto e una voce politica.
Il popolo kazako e i suoi antenati
L’Asia Centrale è solitamente vista come una regione di Stati post-sovietici falliti dove prosperano la corruzione e l’estremismo islamico. Per queste ragioni, alcuni ritengono che allo scopo di rivelare i “reali” meccanismi culturali della regione uno studio etnografico dell’area sia urgente.

Il progetto DIALOGAUTHORKZSTAN (The dialogic emergence of authority: Ancestors’ shrines as healing sites in Kazakhstan), finanziato dall’UE, ha esaminato in che modo la cultura espressiva orale permette a nuove autorità politiche e degli antenati di emergere. Tali autorità mettono alla prova il regime autoritario e promuovono un’idea del potere separato dagli stati nazione. L’autorità degli antenati risulta allettante per molti abitanti dell’Asia Centrale che cercano benessere sociale e cura spirituale. Il progetto ha studiato i modi in cui gli antenati kazaki guidano e si prendono cura dei vivi.

Un ricercatore dell’UE ha condotto una ricerca sul campo in Kazakistan, vivendo assieme a famiglie kazake e lavorando inoltre con informatori e assistenti di ricerca. Questo lavoro ha esaminato i vari contesti nei quali gli antenati diventano “dialogicamente presenti”, includendo benedizioni delle case, pellegrinaggi e storie di miracoli dei custodi nei santuari. Un manoscritto che spiega in che modo tali forme di dialogo con gli antenati rappresentano una visione del mondo alternativa a quella degli attuali stati nazione dell’Asia centrale è stato prodotto.

Durante la fase finale del progetto, i ricercatori hanno studiato il ruolo più generale degli antenati e della geografia sacra riguardo a territorio e sovranità in Kazakistan. Il team ha notato il conflitto tra tradizionale spiritualità basata sulla natura e un degradato panorama post-sovietico. Lo studio ha affermato che tali conflitti si sovrappongono alle nozioni di sovranità culturale, diventando in tal modo un veicolo per il dialogo politico.

I ricercatori hanno istituito un’affiliazione per la ricerca presso l’Università Nazarbayev di Astana, Kazakistan. La collaborazione ha incluso la creazione di un team di ricerca formato da studenti interessati alla ricerca ambientale. Il lavoro ha inoltre sottolineato il ruolo del dialogo nella creazione della conoscenza.

La ricerca ha evidenziato un punto di vista culturale della consapevolezza ambientale e politica kazaka.

Informazioni correlate

Argomenti

Life Sciences

Keywords

Kazakistan, antenato, DIALOGAUTHORKZSTAN, comparsa dialogica, autorità degli antenati