Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Attenzione sui contenuti anziché sulla connettività, per migliorare internet

Internet è destinato a operare in modo più efficiente, una volta che la sua filosofia sarà passata dalla connessione tra macchine alla connessione tra informazioni. Un recente progetto finanziato dall’UE ha sviluppato una soluzione per realizzare tale entusiasmante prospettiva.
Attenzione sui contenuti anziché sulla connettività, per migliorare internet
Fin dalla sua nascita, internet è stato incentrato sulla connessione tra macchine. Tuttavia, di recente assistiamo alla sua evoluzione per porre maggiore attenzione su ciò che viene scambiato anziché su ciò che effettua lo scambio. Giacché i contenuti occupano sempre più il centro della scena, internet sta concentrando i propri sforzi su un maggiore spazio di archiviazione e una potenza di calcolo superiore, quando necessario.

Il progetto INTENT (Information-centric network management and traffic engineering) ha studiato il modo in cui migrare da una soluzione internet host-to-host a una soluzione host-to-content. È stata data priorità all’interconnessione tra informazioni rispetto all’interconnessione tra macchine, ricercando modelli in grado di favorire un migliore sfruttamento delle risorse lungo tutto il percorso, dal fornitore al consumatore.

In questo contesto, le reti incentrate sulle informazioni (ICN) sono emerse come modello attuabile per ottenere una maggiore flessibilità in quanto a miglioramento dell’efficienza, espansione del supporto multicast nativo e adattamento ai nuovi servizi. Il team del progetto ha affrontato le sfide delle reti ICN, per esempio la gestione delle reti stesse, considerando l’ingegneria del traffico e la gestione delle cache e dei percorsi, in ambito di distribuzione dei contenuti.

Di conseguenza, l’iniziativa ha progettato un sistema di gestione intelligente dei contenuti, con funzionalità distribuite attraverso una rete ICN che vanta avanzate funzionalità di memorizzazione nella cache. È stato sviluppato un quadro di ingegneria del traffico ICN che offre una gestione e un controllo avanzati per la memorizzazione nella cache e l’instradamento, ottimizzando così l’equilibrio tra la distribuzione dei contenuti e le prestazioni della rete.

I risultati del progetto hanno coinvolto anche nuovi algoritmi relativi alla cache, oltre a meccanismi e algoritmi che migliorano i processi di instradamento ICN per ridurre la congestione, il carico e il ritardo di rete. Gli algoritmi riducono i costi relazionati al trattamento e alla comunicazione, facilitando un più rapido funzionamento e flessibilità in relazione a popolarità e domanda di contenuti. Inoltre, aiutano anche a superare problemi come il single point of failure (singolo punto di vulnerabilità).

In termini più pratici, le soluzioni del progetto INTENT rafforzano gli ISP ed estendendo le funzionalità di caching in rete, fornendo loro un maggiore controllo su risorse di rete, contenuti e server. Tali soluzioni consentono agli ISP di eseguire un servizio di distribuzione dei contenuti più semplice e leggero, riducendo i costi. Questi incoraggianti risultati sono stati pubblicati attraverso riviste, seminari e conferenze.

Informazioni correlate

Keywords

Internet, INTENT, rete incentrata sulle informazioni, ingegneria del traffico, ISP