Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

C-IPM — Risultato in breve

Project ID: 618110
Finanziato nell'ambito di: FP7-KBBE
Paese: Francia
Dominio: Società, Ricerca di base, Industria, Agricoltura e foreste, Ambiente

Coordinamento a livello di UE per un approccio più armonizzato alla lotta antiparassitaria

La strada che l’Europa deve percorrere per ridurre la dipendenza dai pesticidi convenzionali e i rischi collegati al loro utilizzo è ancora lunga. Un’iniziativa dell’UE ha fornito delle soluzioni per superare le sfide che ostacolano la lotta antiparassitaria integrata (integrated pest management, IPM), un approccio che integra tutte le misure disponibili per la gestione degli insetti infestanti.
Coordinamento a livello di UE per un approccio più armonizzato alla lotta antiparassitaria
L’Europa deve rispondere all’applicazione obbligatoria dei principi della IPM, come stabilito dalla sua direttiva sull’utilizzo sostenibile dei pesticidi. Essa richiede agli Stati membri di sviluppare piani d’azione che includono obiettivi, misure e tabelle di marcia. Diverse sfide esterne e intere rappresentano però una grave minaccia alla IPM in Europa.

Il progetto C-IPM (Coordinated integrated pest management in Europe), finanziato dall’UE, ha contribuito alla deframmentazione della ricerca mediante il coordinamento della ricerca nazionale sulla IPM e dei tentativi di estensione e il raggruppamento delle risorse esistenti.

Il lavoro ha avuto inizio con la definizione dei bisogni e delle lacune della ricerca sulla IPM in tutta Europa, l’identificazione dei punti di forza e di quelli deboli, e le indicazioni future per affrontare le esistenti sfide IPM. I ricercatori hanno identificato una lista di esigenze degli impieghi secondari dove le soluzioni sono assenti o insufficienti, e hanno identificato dei temi dove è necessaria la ricerca sulla IPM e dove gli strumenti IPM disponibili potrebbero essere applicati.

I partner del progetto hanno raccolto e analizzato le infrastrutture e le capacità della ricerca che possono contribuire a un miglior coordinamento della ricerca nazionale relativa alla IPM. L’attenzione era concentrata sulla collaborazione in rete degli esperimenti a lungo termine sul campo e delle aziende agricole modello, oltre che sul coordinamento dei sistemi di monitoraggio degli insetti infestanti.

Le attività di mappatura, insieme a workshop tematici sulle sfide a lungo termine e a una serie di workshop per la condivisione delle conoscenze, hanno contribuito a un’agenda strategica di ricerca (ASR) per la IPM in Europa destinata a promuovere sforzi coordinati nel settore. Rivolgendosi a ricercatori, responsabili delle politiche e a tutti i portatori di interesse nel settore della protezione delle piante, la ASR delinea le priorità a breve, medio e lungo termine per la ricerca sulla IPM. Essa identifica le lacune e rende possibile una migliore realizzazione della IPM in Europa. La ASR ha gettato le fondamenta per la realizzazione di una ricerca transnazionale congiunta. In totale, 16 progetti sono stati finanziati attraverso due inviti a presentare proposte.

Grazie a C-IPM, gli Stati membri si troveranno in una posizione migliore per coordinare gli sforzi di ricerca nazionali e per raccogliere le risorse esistenti al fine di ridurre la dipendenza dai pesticidi e i rischi collegati al loro utilizzo.

Informazioni correlate

Keywords

Parassiti, pesticidi, lotta antiparassitaria integrata, coordinamento transnazionale ricerca, C-IPM